Notte fonda per Brindisi: il Besiktas domina sulla squadra di Vitucci

Coppe Europee Champions League

BESIKTAS SOMPO SIGORTA-HAPPY CASA BRINDISI 96-67

(24-14, 31-16, 21-21, 20-16)

Trasferta da dimenticare per Brindisi, che esce con le ossa rotte dal parquet del Besiktas. C’è stata partita solo nel primo quarto, poi i turchi sono scappati e non hanno mai permesso alla truppa di Vitucci di riavvicinarsi. Gli ospiti pagano una difesa interna passiva, che ha concesso il 65% da 2 agli avversari. Ma soprattutto, il primo tempo praticamente nullo di Brown e Banks; tuttavia, il primo ha compensato con ottimi secondi 20′. Il cammino verso la qualificazione si fa più in salita per i pugliesi, ma nulla è ancora scritto e saranno gli ultimi tre scontri diretti a decidere il destino di Banks e compagni.

Si vede subito la differenza nel modo di giocare, in quanto il Besiktas, a differenza dell’Happy Casa, non tira mai da 3. E la scelta paga, perché Savas domina nel pitturato e permette ai suoi di allungare a +9 con 11 punti personali. Brindisi aggiusta la mira, e torna a -5 con la bomba di Martin, ma i turchi rispondono e ritoccano il massimo vantaggio con il jumper di Akpinar. La prima frazione termina 24-14. Nel secondo quarto non cambiano i problemi in attacco della squadra di Vitucci, che colleziona palle perse. In difesa, la voglia di picchiare duro si traduce in falli che garantiscono tiri liberi ai turchi. Con i punti di McKissic e ancora Savas, il gap si allunga oltre le 20 lunghezze, per gli ospiti invece segna solo Stone. All’intervallo, il Besiktas conduce con un rotondo 55-30.  Brindisi comincia a lavorare meglio in difesa, e da lì genera buoni attacchi per risalire da -29 a -19 e riaccendere la speranza. Tuttavia, i locali tornano a far girare il pallone e colpiscono da fuori con Yildizli, tornando in fretta al +25. L’Happy Casa continua a far canestro ma anche a subire, e chiude la terza frazione sotto, sul punteggio di 76-51. Nei 10′ finali, i blu non hanno la forza di reagire e provare a salvare il +12 dell’andata. In ogni caso, Brown è l’ultimo a mollare, anzi forse l’unico a non farlo, su entrambi i lati del campo. Il coach dei locali svuota la panchina, e permette a tutti di entrare e trovare canestri che rendono il passivo ai limiti dell’umiliazione per i pugliesi. La partita termina 96-67.

Besiktas: Gotcher 13, Gondur 2, Omer, Akpinar 13, McKissic 18, Geyik 4, Torgut 2, Yildizli 12, Savas 17, Sun, Djurusic 15. All: Burak Biyiktai

Brindisi: Brown 12, Banks 9, Martin 6, Zanelli, Iannuzzi 5, Gaspardo 4, Campogrande, Thompson 13, Cattapan, Stone 18, Ikangi. All: Francesco Vitucci

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.