One man show di Rich: la V.L. Pesaro regge un tempo al DelMauro

Home Recap Serie A

Scandone Avellino – Victoria Libertas Pesaro 103 – 81

( 31 – 25, 28 – 23, 25 – 13, 19 – 20)

Al PalaDelMauro i padroni di casa della Scandone Avellino, che di recente hanno superato tra le mura amiche prima la Vanoli Cremona e poi i Bakken Bears in Europe Cup, ospitano la VL Pesaro, reduce dalla vittoria contro Pistoia.

Pronti, via e le mani di Mika, Clarke e Rich sono già discretamente calde (4-7 al 2’). Clarke, raggiungendo rapidamente la doppia cifra, si erge subito a protagonista dell’incontro e dà un piccolo margine di vantaggio ai suoi (10-14 al 5’). Gli ospiti tentano la fuga con una tripla di Bertone dall’angolo e con un layup di Omogbo: Sacripanti decide di fermare il gioco (18-23) ed ottiene subito una risposta dai suoi. I lupi, infatti, prima raggiungono la parità e poi, grazie alle triple di Rich e Zerini, chiudono il primo quarto di gioco avanti di sei lunghezze (31-25 al 10’). La seconda frazione di gioco si apre con le conclusioni da oltre l’arco di Braun da una parte e di Zerini dall’altra; Rich, con la terza bomba personale, propizia l’allungo biancoverde (40-32 al 12’). Dopo il timeout, Clarke manda a bersaglio una tripla mentre Wells si iscrive alla partita con uno dei suoi voli sopra al ferro (46-35). La VL prima si rifà sotto nel punteggio con il gioco da quattro punti di Braun, che sfrutta l’ingenuità di Lawal, e con due canestri consecutivi di Mika (48-45 al 18’) e poi subisce un parziale di 11-3, maturato in seguito alle realizzazioni di Leunen, D’Ercole e del solito Rich (22). L’appoggio di Clarke sulla sirena vale il -11 all’intervallo lungo (59-48 al 20’).

In uscita dagli spogliatoi, Braun apre le marcature da oltre l’arco da una parte mentre Rich raggiunge quota 24 dall’altra. Mika, con quattro punti filati, riporta in partita gli ospiti (61-55 al 22’). Rich, neanche a dirlo, si fa trovare pronto e con un canestro ed un assist per la tripla di Fitipaldo costringe Coach Galli a rifugiarsi nel minuto di sospensione (66-55 al 23’). Ma la Sidigas, trascinata da Rich e Lawal, rompe definitivamente l’equilibrio; il gioco da tre punti di Leunen vale il +20 (77-57 al 27’). Nei minuti finali della terza frazione, Scrubb con una schiacciata in contropiede e con una piroetta delle sue riscrive il massimo vantaggio (84-61 al 30’). L’ala canadese, insieme a Wells e Fesenko, regala il +27 ai suoi in avvio di quarta frazione (93-66 al 33′). Dopo essersi concessa una pausa, la Scandone a 180 secondi dalla sirena finale, con le triple di Parlato e Fitipaldo, raggiunge e supera quota cento (103-79 al 38′). Al PalaDelMauro termina 103-81.

TABELLINI

Avellino: Zerini 6, Wells 8, Fitipaldo 12, Lawal 4, Leunen 6, Scrubb 14, Filloy 10, D’Ercole 5, Rich 31, Fesenko 4, Parlato 3, Sabatino.

Pesaro: Omogbo 5, Ceron, Clarke 24, Mika 22, Bocconcelli, Ancellotti 6, Bertone 12, Monaldi, Serpilli, Braun 12.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.