Orzinuovi sgambetta la capolista, vittoria e primo KO per Verona in stagione

Serie A2 Recap

AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI-TEZENIS VERONA 78-74

(22-15; 19-21; 10-18; 25-20)

Clamoroso al PalaGeorge di Montichiari dove Verona incassa la prima sconfitta stagionale: Orzinuovi sfodera una gran prova di agonismo e faccia tosta contro la quotata formazione gialloblu, priva dell’americano Jermaine Love, e trascinata da un Taron Smith finalmente in versione realizzatore e da una doppia doppia da urlo per Stefano Bossi.

Partita che comincia subito su binari equilibrati: Verona dimostra di avere maggiore qualità e capacità di concretizzare i vantaggi acquisiti, ma gli orceani restano sul pezzo nel corso del primo quarto bloccando ogni tentativo dei gialloblu di piazzare il break per scappare; gli scaligeri accusano un lieve calo nel finale di frazione e i padroni di casa, guidati da Negri, ne approfittano per piazzare un 4-0 per il 22-15 al primo gong. Sotto la regia di Bossi, la compagine bresciana tiene il vantaggio minimo indispensabile per restare al sicuro da eventuali sorpassi, tuttavia gli uomini di Dalmonte continuano a tallonare questo vantaggio sfruttando la maggiore reattività a rimbalzo offensivo e viaggiando con precisione in lunetta; con Mekowulu in una situazione problematica a causa dei falli, tocca agli esterni Bossi e Smith tenere il +5 fino all’intervallo (41-36).

Al rientro dagli spogliatoi, due giocate di Hasbrouck lanciano un 8-0 veronese che ribalta subito il trend della gara: stavolta sono gli uomini di Salieri ad inseguire gli ospiti, che trovano in Rosselli la guida per tenere la testa avanti; Parrillo e Smith però tengono ancora in bilico l’incontro portando il punteggio sul 51-54 prima dell’ultimo atto. L’americano dell’Agribertocchi sale ancora di livello invertendo nuovamente l’andazzo della partita, trascinando i suoi sul +7 quando mancano meno di 5′ alla fine, con Verona che sbaglia qualcosa di troppo; l’energia e la lucidità cominciano a calare su ambo i fronti, poi Mekowulu e Ferraro provano a dare una sterzata alla gara con le triple dell’importante +9. Gli scaligeri però reagiscono e con la bomba pesante di Severini riaprono tutto a 29” dalla fine sul 74-72: Bossi non sbaglia dalla lunetta, Poletti replica, ma il play giuliano sigla dalla lunetta il 78-74 finale.

 

ORZINUOVI: Mekowulu 15, Smith 22, Bossi 12 (+9reb +14ass), Negri 15, Ferraro 3, Galmarini 7, Parrillo 4, Siberna, Perin, Guerra ne

VERONA: Hasbrouck 11, Candussi 11, Udom 12, Severini 9, Rosselli 11 (+8reb +6ass), Poletti 13, Prandin 5, Tomassini 2, Morgillo ne, Guglielmi ne, Beghini ne

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.