Ottavi di finale: rullo compressore Grecia, il Belgio tiene solo venti minuti, poi crolla

Home

Grecia-Belgio 75-54

(16-15, 18-16, 23-11, 18-12)

Giannis Antetokounmpo  (greece.greekreporter.com)
Giannis Antetokounmpo
(greece.greekreporter.com)

Nel secondo ottavo di finale di Eurobasket, che ora si tiene nell’avveniristico Stade Pierre-Mauroy di Lille, si affrontano la Grecia e il Belgio. La posta in palio è decisamente alta, di conseguenza la partita si apre all’insegna dell’equilibrio: dopo cinque minuti, la situazione è in perfetta parità (7-7), con Koufos e Lojeski autori di cinque punti a testa. Il Belgio tiene la testa avanti fino a tre minuti dalla prima sirena, poi consegna il testimone agli ellenici, che volano sul +3 con la tripla di Antetokounmpo e il gancio-cielo di Printezis (12-9). Non è fuga greca, in quanto Lojeski impatta con una bomba, mentre Gillet annulla il +4 greco con una tripla. Il primo quarto termina 16-15 per la Grecia, con i Lions che sbagliano la tripla sulla sirena per il +2. Il rientro sul parquet sorride ai greci, che firmano un break di 8-0, culminato dalla tripla di Zisis, dopo due minuti (23-15). Il Belgio regge l’urto greco e si riporta sul -2, grazie a Tabu (23-21), ma Zisis segna la sua seconda bomba per il +5 a metà quarto (26-21). L’equilibrio continua a regnare sovrano, anche se lo spettacolo non manca: Antetokounmpo vola e raccoglie un bell’alley di Calathes, mentre Tumba stoppa di prepotenza l’ala di Milwaukee nell’azione successiva. Spanoulis entra a referto con due punti dalla lunetta a tre secondi dalla fine, fissando lo score di 34-31 all’intervallo.

Di ritorno dagli spogliatoi, gli ellenici partono in quarta e toccano il +7, con la palla del possibile +10, ma il Belgio, con una buona circolazione di palla, resiste e tocca il -4 (40-36). Gillet alimenta le speranze dei connazionali, con la tripla del -5, dopo essere andati sotto di nove lunghezze, ma Antetokounmpo lo ripaga con la stessa moneta. A quattro minuti dalla terza sirena è 49-41 per la Grecia. Si scalda Spanoulis, che firma un bel Jumpshot ed è +10 greco. Sul finale è fuga per la Grecia, prima con Printezis e poi con Bourosis sulla sirena, trovano il +15 (57-42) alla fine del terzo periodo. Nell’ultimo quarto, la musica non cambia: la Grecia è un rullo compressore e il tap-in di Bourosis porta gli ellenici sul +20 (62-42), ipotecando l’accesso ai quarti di finale. A metà quarto, la tripla del pivot, ex Milano, spegne i sogni di qualificazione del Belgio. I Lions cercano di chiudere con onore, mettendo a segno un paio di triple, ma ormai la partita è compromessa: la Grecia trionfa con lo score di 75-54.

Grecia: Bourousis 14, Zisis 6, Spanoulis 7, Calathes 4, Perperoglou 2, Slouskas 8, Kaimakoglou 1, Koufos 13, Printezis 10, Papanikolaou, Mantzaris, Antetokounmpo 10.

Belgio: Bosco 2, Van Rossom 13, Hervelle 2, Mwema, Tabu 6, Serron, Mukubu, Gillet 14, De Zeeuw, Tumba 2, Salumu 5, Lojeski 10.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.