Pagelle Gara2 Milano-Trento: Jerrells e Goudelock immarcabili, male Hogue per i bianconeri

Home Pagelle Serie A

EA7 Olimpia Milano

JERRELLS 8: entrato dalla panchina, è lui a tenere a galla la squadra nel momento più difficile del primo quarto e a prolungare le difficoltà della difesa di Trento creando triple dal palleggio mortifere, poi nel primo tempo è letteralmente immarcabile chiudendo un 5/5 dopo i primi 20′. Nella seconda parte di gara cala in termini di realizzazione, ma è lui a chiudere il conto con il canestro del +9: 27 punti con 10/16 dal campo. MVP.

PASCOLO 4,5: mai in partita, in 11′ spende 5 falli senza mai entrare nel vivo del gioco.

BERTANS 5-: solo un paio di lampi, ma anche lui poco o nulla e come Pascolo va fuori per 5 falli.

GUDAITIS 7+: cambia la partita in difesa di Milano nel secondo quarto: con lui in area, il quintetto piccolo di Trento va a sbattere sulle sue stoppate e permette le ripartenze veloci e letali della compagine biancorosse. Nel secondo tempo la sua precisione dalla lunetta garantisce i due possessi di margine alla squadra, necessari per preservare il vantaggio nella volata finale.

GOUDELOCK 7,5: riprende a martellare il canestro dopo l’arrembante gara1 mostrando tutto il suo repertorio al tiro e confermando il buon momento con 13 punti all’intervallo. Diventa il co-MVP della gara mantenendo ritmo e vena realizzativa anche nella ripresa, chiudendo la sua partita a quota 25. Mezzo voto in meno per il suo approccio difensivo, rivedibile a tratti.

KUZMINSKAS 5: evanescente o quasi nel primo tempo, non cambia faccia nemmeno nel secondo tempo. Da ritrovare.

CINCIARINI 6-: molto mobile in avvio di gara, ma Pianigiani trova l’equilibrio di squadra con Jerrells in regia lasciandolo in panchina per gran parte del match.

TARCZEWSKI 6: il maggior impatto difensivo di Gudaitis lo lascia fuori dal campo nel primo tempo. Migliora leggermente il suo apporto sotto i tabelloni nella ripresa.

MICOV 6,5: molto reattivo ed efficiente quando ha il pallone tra le mani, svelto nella lettura dei ribaltamenti e dei passaggi sulla circolazione dei bianconeri. Difensivamente riesce sempre a mantenere la marcatura sull’uomo. Peccato per l’1/5 da fuori.

ALL.PIANIGIANI 6,5: il problema delle palle perse lascia a Trento la possibilità di correre, ma rimane in gara con le triple di Goudelock e Jerrells; nel momento in cui trova la quadratura, dà un cambio di passo mettendo Gudaitis a presidiare il ferro, limitando le opzioni sulle penetrazioni dei bianconeri, e creando tiri aperti per il duo americano. Nel secondo tempo cala il giro palla di squadra, con i biancorossi che si appoggiano soprattutto a soluzioni individuali, ma calano anche le percentuali dall’arco con i tiratori che perdono ritmo e sbagliano spesso scelte in attacco; nel finale la maggiore lucidità dei suoi gli regala il secondo successo nella serie.

 

Dolomiti Energia Trentino

FRANKE 5: molte difficoltà nella marcatura su Jerrells e Goudelock, incide poco o nulla in 9′.

SUTTON 5,5: prova a far valere tutta la sua dinamicità in attacco con schiaccate e penetrazioni al ferro, ma le palle perse e uno sfuggente Micov limitano la rilevanza del suo utilizzo sul parquet; chiude con 8 punti (4/10) e 6 rimbalzi, ma anche 6 palloni persi.

SILINS 6+: dopo la deludente gara1, si prende subito la scena con 10 punti nel primo periodo e un’energia difensiva molto più intensa. Dopo l’esaltante avvio cala a lungo andare della partita.

FORRAY 6: avvio subito combattivo per il capitano bianconero, ma con il cambio di ritmo della partita nel secondo periodo non riesce a riproporre il suo gioco; fatica anche nel secondo tempo.

GUTIERREZ 6+: impatto determinante in uscita dalla panchina ad inizio partita, bravo a far correre la squadra e a dare una mano a rimbalzo. I problemi di falli però limitano il suo impiego, soprattutto nel finale di gara.

GOMES 7,5: bravo al suo ingresso a tenere alto il ritmo della squadra con il suo atletismo e le sua pericolosità perimetrale, determinante nel quarto periodo per riavvicinare i suoi. Senza dubbio il migliore di Trento, per lucidità e aggressività: chiude con 18 punti, 5 rimbalzi e 2 stoppate.

HOGUE 4,5: non brillante il suo inizio di gara per la stretta marcatura di Tarczewski, le difficoltà aumentano contro Gudaitis che letteralmente lo cancella. Piuttosto nervoso, nel secondo tempo non si vede un’immagine migliore del giocatore; a Buscaglia servirà tutta un’altra versione nelle due gare casalinghe.

SHIELDS 7: buon primo tempo nella circolazione del pallone e nel coinvolgimento dei compagni, nel secondo tempo prova a venire su anche come realizzatore ma non basta per cambiare l’esito del match. 17 punti e 5 assist per lui.

ALL.BUSCAGLIA 7,5: l’assenza di Flaccadori nelle rotazioni è un handicap in più, ma i pick and roll tra esterni, gli attacchi veloci e una difesa più reattiva sono i punti che caratterizzano i primi 8′, poi con i quintetti piccoli subisce la maggiore fisicità dei lunghi milanesi per non parlare dei rebus Goudelock e Jerrells, che fanno sfigurare un buon primo tempo. Abbassa il ritmo e limita le opzioni milanesi isolando i singoli giocatori e trova in Gomes il punto di riferimento per ritornare in partita, ma gli errori al tiro degli ultimi minuti costano la partita. Nulla può contro il talento individuale dei giocatori biancorossi.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.