Pagelle Virtus-Tenerife: Punter illegale, Abromaitis si sveglia tardi

Coppe Europee Champions League Home

La Virtus torna sul tetto d’Europa FIBA e, dopo il successo di Sassari, un’altro tricolore svetta su una coppa internazionale. Nell’ultimo atto contro Tenerife i bianconeri hanno condotto dal primo all’ultimo minuto, senza voltarsi mai indietro. Dopo esattamente 10 anni dall’EuroChallenge quindi, Bologna torna a sollevare un prestigioso trofeo continentale.
Andiamo a vedere le pagelle della finale della Basketball Champions League.

Virtus Segafredo Bologna

Tony Taylor 7,5 (2/3 da 2, 0/1 da 3, 0/0 ai liberi):
Quando è in campo si sente, la squadra gira a memoria. Solita prestazione totale, tra assist, rimbalzi e giocate difensive. Peccato che compia troppi falli ingenui che ne limitano l’utilizzo.

Kevin Punter 9 (1/5 da 2, 5/5 da 3, 9/9 ai liberi):
Pronti via e ne segna 9 in tre minuti. Poi si prende un quarto di pausa e rientra dopo l’intervallo con un gioco da 4 punti. Chiude con 26 punti ed una sensazione di dominio assoluto. Raccoglie l’immaginario testimone di Keith Langford dieci anni dopo.

Amath M’Baye 8,5 (4/8 da 2, 2/3 da 3, 2/3 ai liberi):
Letteralmente esplosivo nel primo quarto, dove espone tutto il suo repertorio. Triple, schiacciate e lavoro in post basso. Poi continua a mettersi al servizio della squadra, fornendo probabilmente la migliore prestazione in maglia bianconera.

Yannick Moreira 7,5 (1/5 da 2, 0/0 da 3, 2/4 ai liberi):
Si divide quasi scientificamente i minuti con Kravic, lotta sotto le plance non concedendo vita facile ad Iverson.

Dejan Kravic 7,5 (1/2 da 2, 0/0 da 3, 2/4 ai liberi):
Sbaglia meno di Moreira in attacco, pur chiudendo con le stesse cifre. Mentre nella propria area è sempre una presenza che intimorisce.

Kelvin Martin 7,5 (1/3 da 2, 0/0 da 3, 0/0 ai liberi):
Solita fiala di adrenalina per la squadra, nell’allungo iniziale è decisivo con i suoi recuperi.

Filippo Baldi Rossi 7 (0/0 da 2, 0/0 da 3, 0/0 ai liberi):
Utile a far rifiatare i lunghi del quintetto. Non trova gloria personale, ma porta ugualmente il suo contributo.

Pietro Aradori 8 (4/6 da 2, 0/2 da 3, 1/1 ai liberi):
Bravissimo ad attendere che la partita arrivi tra le sue mani, non forza nel primo tempo e si merita di giocare nel finale.

David Cournooh 7 (0/1 da 2, 0/2 da 3, 0/0 ai liberi):
Silenzioso, è preziosissimo nella propria metà campo, dove è il primo aiuto per i compagni, negando qualsiasi vantaggio all’attacco spagnolo.

Mario Chalmers 7,5 (3/5 da 2, 0/3 da 3, 2/4 ai liberi):
Inizia troppo lezioso per confrontarsi con una finale, 3 perse subito cercando più lo spettacolo che la concretezza. Poi però sente la responsabilità dovuta all’assenza di Taylor e sale di colpi, su entrambi i lati del campo.

All. Alexandar Djordjevic 8,5: in una settimana ribalta la Virtus. Dopo le scoppole di Pistoia, Brindisi e Brescia, riesce a dominare tatticamente contro entrambe le squadre date come favorite alla vigilia. Sempre in controllo, se la Virtus è arrivata fin qui va dato merito anche al cammino precedente compiuto da Sacripanti, ma la mano del coach serbo si è vista.

Tony Taylor Virtus Bologna
Photo: FIBA

Iberostar Tenerife

Rodrigo San Miguel 6,5 (0/1 da 2, 0/3 da 3, 3/4 ai liberi):
Costretto come sempre agli straordinari, fornisce la solita regia d’esperienza. La carta d’identità si fa sentire in difesa però, dove soffre contro tutti i pari ruolo.

Nicolas Brussino 5 (0/2 da 2, 0/5 da 3, 0/0 a liberi):
Il dominio della semifinale è un pallido ricordo, i problemi di falli gli tolgono ritmo e ne danneggiano le percentuali già deficitarie.

Tim Abroamitis 7 (3/7 da 2, 1/5 da 3, 9/9 ai liberi):
Dopo le difficoltà del venerdì, impiega 20 minuti ad entrare in partita. Nel secondo tempo è l’anima di Tenerife e tiene in vita i suoi.

Javier Berran 6,5 (5/6 da 2, 0/3 da 3, 1/1 ai liberi):
Viene utilizzato come arma tattica, sfruttando le sue caratteristiche spalle a canestro. Il più continuo per rendimento dei suoi, ma viene limitato come i compagni dall’ottima difesa bolognese.

Colton Iverson 6,5 (5/8 da 2, 0/0 da 3, 1/1 ai liberi):
È l’unico degli spagnoli a provare il gioco nel pitturato, si fondano su di lui le speranze di trovare alternative al tiro pesante.

Ferran Bassas 5 (0/2 da 2, 1/6 da 3, 2/2 ai liberi):
Molta esuberanza, troppa, che diventa confusione a tutto campo.

Pierre-Antoine Gillet 5 (0/0 da 2, 1/6 da 3, 0/0 ai liberi):
Tira malissimo, non rispettando la sua fama da specialista. Ha sulla coscienza la tripla aperta che poteva definitivamente riaprire la partita.

Mamadou Niang 5,5 (1/1 da 2, 0/0 da 3, 0/0 ai liberi):
Breve apparizione, dove prova a giocare in verticale e compie sempre un passo di troppo quando ha il pallone tra le mani.

Sebastian Saiz 6 (0/0 da 2 0/0 da 3, 1/2 ai liberi):
Un lampo, un libero, due rimbalzi. Poi torna a sedersi.

Lucca Staiger 5 (0/1 da 2, 1/3 da 3, 0/0 ai liberi):
Evanescente nel suo primo passaggio, dannoso nel secondo. Una delle poche triple dei suoi a bersaglio non ne salva la prestazione.

Davin White 6 (0/0 da 2, 1/6 da 3, 0/0 ai liberi):
Il 37enne trova maggiore minutaggio rispetto al venerdì per i problemi del titolare. Non si tira indietro e mette tutta l’energia possibile sul parquet.

All. Txus Vidorreta 6: Alla vigilia aveva detto:“Dobbiamo pensare a un piano, perché i giocatori lo eseguono perfettamente”.  Per fortuna della Virtus il piano partita del coach basco non è andato come ha voluto, dato che si è intestardito nella ricerca del tiro pesante. Tradotto, 3/25 nei primi 3 quarti, ritoccato in 5/37 alla fine. Se da un lato iniziano i meriti della Segafredo nell’aver tolto rifornimento e contestato molti tiri dal lungo raggio, dall’altro ci sono pesanti demeriti dell’Iberostar nel non essere riusciti a trovare adeguate contromisure.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.