Pallacanestro Reggiana-Trento: le parole di Menetti e Buscaglia in vista della gara

Serie A News

Sfida che comincia ad essere decisiva quella tra la Grissin-Bon Reggio Emilia e la Dolomiti Energia Trento, rispettivamente nona e ottava forza del nostro campionato, entrambe a 18 punti. Fondamentale dunque la vittoria, per poter segnare in maniera positiva la corsa verso posti di prestigio ai playoff.

Qui riportate le parole di coach Menetti su avversari e sull’impegno europeo:

“Trento? E’ la finalista scudetto dello scorso anno e per un soffio non è riuscita a passare il turno in Eurocup. Sono equilibrati e hanno grande atletismo”. Il quintetto e i minutaggi dipenderanno ovviamente anche dall’impegno di martedì prossimo in Eurocup, gara 1 del playoff contro lo Zenit San Pietroburgo. “E’ una scelta obbligata ricordarsi dell’impegno europeo, quindi dovremo bilanciare il dosaggio dei giocatori. Ci saranno due stranieri che per forza di cose non potranno scendere in campo con Trento, vorrà dire che saranno molto più motivati a fare bene martedì sera”.

(fonte: www.reggionline.com)

Queste invece le parole di Maurizio Buscaglia, sulla sfida ma anche sull’assenza di Gutierrez:

Veniamo da due belle vittorie con Brescia e Cantù, un’ottima maniera per arrivare alla pausa nazionali; ora torniamo a giocare contro quella che prima dello stop era probabilmente la formazione più in forma dell’intera Serie A. Reggio Emilia è una squadra che mi piace molto, ha attraversato momenti difficili ma rimanendo sempre compatta e concentrata: ha fatto cambiamenti, anche strutturali, e piano piano è cresciuta fino a diventare una delle migliori del campionato, lo ha dimostrato in questo avvio di girone di ritorno in cui è ancora imbattuta. Per noi quindi sarà un test particolarmente probante, da affrontare al meglio delle nostre possibilità. I nostri avversari hanno un roster molto lungo, e mi sembrano capaci di poter arrivare fino in fondo: possono impensierire i top club perché anche loro lo sono. Per noi questo mese di marzo sarà determinante, da vivere tutto d’un fiato perché ogni partita può essere fondamentale. L’assenza di Gutiérrez? La mia mente è andata subito al campo, a come avremmo potuto giocare questa prossima partita: l’equilibrio che avevamo trovato dovremo ricostruirlo un po’. Flaccadori, Franke e Shields daranno una mano come hanno fatto nelle scorse settimane, aiuteranno Toto a sopportare il carico tecnico del ruolo di playmaker”.

(fonte: www.aquilabasket.it)

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.