Paolo Banchero

Paolo Banchero: ”L’obiettivo è giocare il Mondiale FIBA con l’Italia”

Home Nazionali

Le dita sono incrociate in Italia per l’astro nascente Paolo Banchero: la speranza è che vestirà la maglia degli Azzurri la prossima estate ai Mondiali FIBA.

Banchero, la prima scelta nel Draft NBA di questa estate di Orlando, è entusiasta della prospettiva di giocare per gli italiani.

Il padre è di origini italiane mentre la madre è un’ex giocatrice della nazionale americana. Banchero vuole sentire il fermento del basket internazionale.

“Il modo di giocare è un po’ diverso, ma darò tutto me stesso, tutta la mia energia e influenzerò la nazionale nel miglior modo possibile. Sarò entusiasta di portare il mio contributo alla squadra e di ottenere grandi cose”.

I migliori giocatori di basket competono tutti per le squadre nazionali sui grandi palcoscenici internazionali.

Quest’estate Luka Doncic della Slovenia, Nikola Jokic della Serbia e Giannis Antetokounmpo della Grecia hanno tutti gareggiato a EuroBasket.

La prima scelta assoluta prevista per il Draft NBA del prossimo anno, Victor Wembanyama, ha giocato nella finestra 5 delle qualificazioni europee ai Mondiali.

“Penso davvero che il basket FIBA ​​sia molto interessante e vedere i ragazzi vestire le casacche delle proprie nazionali è qualcosa di fantastico”, ha detto Banchero.

“L’EuroBasket è stato molto, molto competitivo e i tifosi hanno dato uno spettacolo fantastico. Guardare quelle arene piene e quelle folle rumorose che hanno interpretato così bene il loro ruolo di sesto uomo, è stato incredibile”.

“Le squadre erano piene di ragazzi di grande talento e un paio di stelle NBA, ma nonostante ciò la Spagna ha vinto e ha dimostrato che il basket è uno sport di squadra e che i team che giocano molto uniti e si passano la palla, hanno più possibilità di vincere titoli e medaglie. Il livello di competitività in Europa è davvero molto alto e il futuro è luminoso.

“Guardate Giannis, Nikola Jokic e Luka Doncic, ad esempio, sono fantastici per il basket europeo. La loro passione e la loro voglia di rappresentare il loro Paese è una cosa fantastica da vedere”.

L’Italia, nonostante fosse sfavorita, ha vinto gli Ottavi di Finale contro la Serbia, 94-86. Quella partita è ormai leggendaria, come coach Gianmarco Pozzecco che è stato espulso nel primo tempo con l’Italia in svantaggio, ma i giocatori si sono mobilitati per la vittoria.

“Hanno giocato ottime partite e mi è piaciuto molto il modo in cui hanno giocato contro la Serbia, dove hanno mostrato un’incredibile difesa e grandi movimenti in attacco”, ha detto Banchero. “È stato davvero impressionante, molto bello da guardare. La passione e l’unità che hanno sono fantastiche, come anche la voglia di vincere che dimostrano il coach e lo staff; anche il modo di giocare della squadra è superbo. Battere una squadra come la Serbia dimostra di cosa è capace la Squadra Azzurra. Abbiamo un’ottima Nazionale e il futuro è roseo, questo è certo”.

Una delle guardie della squadra azzurra, Nico Mannion, ha definito Banchero l’anello mancante, il giocatore che può fare di un’ottima Italia una grande Italia.

“Nico è un mio buon amico e parliamo spesso di varie cose”, ha detto Banchero. “Voglio sempre saperne di più sull’Italia, sulla cultura e sulla Nazionale perché sono anche uno studioso del gioco. Mi dice solo grandi cose sulla Squadra Azzurra, sui ragazzi e sullo staff tecnico”.

Mannion ha dimostrato come un giovane giocatore degli Stati Uniti possa essere adatto per una nazionale europea. È nato e cresciuto negli Stati Uniti e ha giocato a basket al college per Arizona prima di diventare professionista in Italia con la Virtus Bologna.

È stato eccezionale l’anno scorso per l’Italia quando hanno vinto il torneo di qualificazione olimpica FIBA ​​a Belgrado.

“Sono felice per lui, vedere che ama rappresentare il paese e adora giocare a livello internazionale. È un ottimo giocatore e mi sono anche congratulato con lui e con i ragazzi dopo la loro grande avventura all’ultimo EuroBasket”.

Una volta che Banchero giocherà per l’Italia, vuole solo inserirsi.

“La squadra sta davanti a tutto e l’unità e la forza collettiva sono le cose più importanti nel basket. Facciamo uno sport di squadra, e la cosa più importante è la squadra, non il singolo”.

“Per vincere bisogna portare i giocatori migliori e giocare di squadra. Quando giocherò in Nazionale, sarò solo un altro giocatore e mi impegnerò ad essere il miglior compagno di squadra, esempio e giocatore che posso essere con l’Italia. Il basket è uno sport di squadra e sarò entusiasta di dare il mio contributo alla squadra prima o poi e di fare grandi cose”.

Leggi anche: Sorpresa al Mondiale di calcio: in campo anche il “sosia” di LeBron James 

Fonte: FIBA

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.