Pazzesco ultimo quarto di Torino, vittoria per 84-79 e match point nella serie

Home

Mancinelli

Siamo oramai nel vivo dei playoff LNP Gold. Gara-4 tra Torino e Biella si presenta come uno degli appuntamenti più entusiasmanti della postseason e non delude.  Una rimonta strepitosa permette ai padroni di casa di fare propria la partita, dopo che questa era rimasta per gran parte del match sui binari biellesi. La pessima prova di Voskuil e gli errori dall’arco hanno alla lunga pesato su Biella, mentre Torino si è avvalsa di una difesa grintosa nell’ultimo quarto e di un attacco pulito, dopo essere andata a sprazzi per lunga parte dell’incontro.  Quello che conta alla fine, almeno per i padroni di casa, è la vittoria per 3-1 nella serie e il passaggio del turno.

I primi minuti sono all’insegna dell’equilibrio con Mancinelli a trascinare Torino e Hollis a fare da controparte per i biellesi. Si arriva sull’8-8 dopo tre minuti quando gli ospiti piazzano la stoccata: parziale di 2-13 e vantaggio per 10-21 che premia Biella. I padroni di casa provano a rifarsi sotto con Evangelisti e Amoroso, ma Hollis e compagni riescono a gestire il vantaggio e chiudere sul 17-25 alla sirena della prima frazione.

Nel secondo quarto gli ospiti scendono in campo con il piglio di chi vuole dimostrare di poter riacciuffare la partita lasciando inizialmente a zero gli avversari e riportandosi sotto con un mini break di 5-0(22-25). Torino non riesce però ad approfittare di qualche errore di troppo degli avversari e questi, una volta ripresa lucidità, si portano su un vantaggio in doppia cifra(24-34) grazie alle giocate di Lombardi. L’ennesima reazione della Manital, guidata da Evangelisti e Mancinelli(che chiuderanno il primo tempo rispettivamente con 16 e 10 punti), permette ai padroni di casa di non sprofondare e andare negli spogliatoi con un solo possesso di svantaggio sul 37-40.

Quando le due squadre tornano sul parquet, abbiamo una svolta decisiva: Hollis decide di prendere in mano la partita e, coadiuvato da un solidissimo Lombardi, prende per mano la squadra e la porta fino al 41-55. Sfortunatamente un Voskuil in serata decisamente no commette diversi errori e permette a Torino di recuperare qualche punto(48-57) interrompendo così l’ottimo momento dei suoi. Questa reazione non dura molto poiché Hollis torna alla carica e riporta la squadra sopra la doppia cifra di vantaggio. Così infatti si chiude il terzo quarto: Torino costretta ad inseguire sul punteggio di 54-65.

Nell’ultima frazione coach Pillastrini sembra aver toccato le corde giuste nei proprio ragazzi, che scendono con una ferocia e una tenacia che erano mancate finora. La difesa si fa stretta e aggressiva, l’attacco gira a mille con Mancinelli, Amoroso ed Evangelisti a spadroneggiare nell’altra metà campo: a 5’52” il canestro del secondo di cui sopra permette ai padroni di casa di impattare sul 67-67 parti. Biella in evidente difficoltà con Lombardi e Hollis che hanno perso smalto rispetto ai minuti precedenti, dove avevano sopperito egregiamente alla pessima serata del miglior marcatore di questi playoff, ovvero Voskuil. L’Angelico subisce il colpo e scivola a meno cinque(71-76) prima di impattare nuovamente la partita sul 76-76 per poi crollare nuovamente: prima con la rubata di Mancinelli e la successiva schiacciata dello stesso che dà il più due ai suoi e poi con la tripla tagliagambe di Bowers a 42” dal termine. Agli ospiti non riesce l’impresa disperata negli ultimi secondi del match: Torino vince al Palaruffini per 84-79. 

MVP Stefano Mancinelli partita di quantità e qualità quella dell’ex-Fortitudo, con 19 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, oltre alla leadership in campo;

Rimbalzi 29 (Sandri 9)

Assist 20 (4 con 4)

Torino Mancinelli 19, Evangelisti 24, Amoroso 21, Steel 7, Bowers 8, Baldasso 0, Sandri 5, Mascolo n.e, Gergati n.e, Bianchi n.e;

Biella Chillo 0, Lombardi 17, Berti 2, Voskuil 22, Hollis 32, Murta 0, Raspino n.e, Infante 6, De Vico 0, Bloise 0;

Rimbalzi 26 (Voskuil 10)

Assist 13 (Berti 6)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.