Per Natale la Dolomiti Energia Trentino si regala la prima vittoria esterna contro una VL in crisi: 65-77.

Serie A News

Undicesima giornata di campionato e scontro chiave alla Vitrifrigo Arena tra i padroni di casa della VL Pesaro e la Dolomiti Energia Trentino Trento che in classifica segue la squadra marchigiana di soli 2 punti e non ha mai trovato gioia fuori dalle sue montagne.

Primo tempo. Il primo quarto inizia con molto nervosismo per entrambe le formazioni e conseguenti palloni persi in serie. Poi il gioco diventa più fluido e le percentuali salgono soprattutto grazie al solito Blackmon in casa VL e la verve del capitano Forray per Trento. L’ Aquila mette molta pressione in difesa e sui portatori di palla biancorossi mentre Pesaro si affida al talento di un attacco che in casa viaggia alla media di 92 punti segnati ad incontro. Ed infatti nella prima frazione la VL conduce il gioco e sembra in controllo del match chiudendo il quarto in vantaggio di 8 punti (24-16). Nel secondo quarto l’inerzia del match cambia completamente con una Trento subito più reattiva e convinta e con le bombe di un immarcabile Mian  (13 punti con 4/6 da tre) che scavano il solco. Anche Pascolo diventa un fattore mentre Pesaro soffre soprattutto con le seconde linee sul parquet. Ma il rientro obbligato di Blackmon produce solamente il suo sanguinoso terzo fallo che lo riporta in panchina. Craft in contropiede segna la parità a quota 28 e nemmeno i time out in serie di coach Galli sortiscono gli effetti sperati per i biancorossi. Pesaro sporca le sue percentuali anche con i suoi uomini migliori e con Blackmon in panca l’attacco pesarese è ancora piu asfittico e prevedibile. Trento è bravissima in transizione trovando canestri facili che allargano il gap fino al +9 Aquila (30-39 ) del sesto minuto di gioco, prima della reazione VL con Mockevicius e McCree da tre per il -4. Terna arbitrale non certo casalinga che scatena le ire del palas ma Pesaro non la mette mai ed anche Monaldi appena rientrato forza la conclusione per ben 2 volte favorendo la micidiale transizione trentina. Gomes prima stoppa clamorosamente Murray poi prova la bomba di fine tempo senza successo ma la sua Dolomiti comunque torna negli spogliatoi con ben 8 punti di vantaggio 35-43.

Secondo tempo  Un uomo solo al comando per Pesaro. Mockevicius lotta come un leone e da solo riesce ad avvicinare i suoi a Trento. Da solo perchè non certo aiutato dai propri compagni che continuano a sbagliare anche facili conclusioni soprattutto con un Artis veramente sottotono. Sul 45-49 per Trento Mockevicius prende una botta nel cuore dell’area ma tra lo stupore generale gli viene fischiato il terzo fallo con la Vitrifrigo arena che esplode contro la terna arbitrale. Time out Galli e finalmente anche McCree muove la retina da tre a cui risponde con la stessa moneta Gomes. Segnali di vita anche da Artis con la sua penetrazione che vale il -5.( 50-55). Pesaro commette troppi errori e Gomes segna ancora dalla lunga. Finalmente si rivede Blackmon che con 20 secondi sul cronometro di fine terzo quarto si assume la responsabilità di tirare e segnare la bomba quasi sulla sirena per il 53-58 di fine quarto. L’ultima frazione si incendia subito con la bomba di Blackmon per il suo 15esimo punto e Pesaro sul -2. Ma Trento non si scompone portando la palla sotto le plance e trovando Pascolo e Hogue come terminali per il 56-62. Momenti concitati con errori in serie e percentuali che scendono ancora. Marble è un’incognita per la difesa pesarese mentre Mockevicius tornato in campo commette inopinatamente il suo quarto fallo con lo sfondamento su Hogue. Bomba estemporanea di McCree che ridà speranza alla VL ma la partita diventa schizofrenica. Trento è comunque più lucida nella gestione grazie alla mente fredda di Craft che riporta i suoi di nuovo sul +9 per ben 2 volte ( 59-68) e 61-70. Ancora Craft ruba palla in attacco e si lancia in contropiede con Blackmon che commette antisportivo ma Craft continua la sua lotta ai tiri liberi, unica nota dolente della sua comunque ottima partita. Il canestro di Marble nell’ennesimo contropiede mette la parola fine al match che si chiude con la prima vittoria esterna di questo campionato per Trento che oltretutto aggancia in classifica proprio la Vuelle alla sua terza sconfitta consecutiva dopo altrettante vittorie.

VL Pesaro

Blackmon 17, McCree 17, Artis 3 , Murray 6, Conti 0, Ancellotti 0, Monaldi 5, Zanotti 2, Mockevicius 15.

Dolomiti Energia Trentino Trento.

Marble 14, Pascolo 10, Mian 13, Forray 4, Flaccadori 2, Craft 15, Gomes 8, Hogue 9, Jovanovic 2.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.