Perché gli Houston Rockets dovrebbero puntare su Gregg Popovich come head coach

Home NBA News

Dopo aver mancato i playoff per la prima volta dal 1997, i San Antonio Spurs sono entrati in una fase di ricostruzione. Gregg Popovich compirà 72 anni a gennaio, il che lo rende facilmente l’allenatore più anziano del campionato. Il suo tempo nell’NBA potrebbe volgere al termine e, se vuole vincere un altro titolo, la sua migliore possibilità non è a San Antonio.

Nel podcast Locked On Rockets, il conduttore Jackson Gatlin spiega perché Gregg Popovic dovrebbe scegliere gli Houston Rockets su ogni altro lavoro di head coaching disponibile sul mercato in questo momento.

Jackson Gatlin: Se Gregg Popovich dovesse lasciare i San Antonio Spurs, non c’è una sola altra squadra nell’NBA che sia così pronta per il titolo come i Rockets. Se Gregg Popovich dovesse lasciare gli Spurs e volesse competere per un paio di titoli nei prossimi 3 anni, quale altra situazione sarebbe migliore degli Houston Rockets?

Si trasferirebbe a poche ore di distanza da San Antonio. Quindi non è come se stesse completamente cambiando la sua vita, sarebbe ancora in grado di visitare la famiglia e trascorrere del tempo con loro. Inoltre, il rapporto di Pop con James Harden è davvero ottimo. E Gregg Popovich in un certo senso sarebbe una potenziale terza stella in quella formazione con Harden, Russ e appunto Pop. Ci sono pochissimi allenatori là fuori che considereresti quasi necessari per una squadra fatta di fuoriclasse, ma Popovich è assolutamente uno di loro.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.