Pesaro vince la prima della stagione, Roma paga le fatiche di coppa

Home Serie A Recap

Consultinvest Pesaro-Acea Roma 89-87

Pesaro- I padroni di casa partono benissimo perché mettono a segno un parziale di 4 a 0. Naturalmente siamo solo all’inizio ma sembra che Pesaro possa giocarsela alla pari con Roma perché dopo circa sette minuti di gioco i padroni di casa sono sotto 11 a 13, grazie alla bella prestazione di Musso e Williams. Purtroppo però negli ultimi minuti del quarto si dimenticano di giocare e la maggior esperienza dell’Acea, condita da alcune palle perse inaccettabili da parte della VuElle, finisce per mandare le squadre al primo intervallo sul punteggio di 17 a 30 per gli ospiti.

Nella seconda frazione di gioco il parziale sembra sempre dover aumentare ma Pesaro mantiene sempre una distanza di circa una dozzina di punti. Gran parte del merito va al solito Laquinton Ross che si è

Tommaso Raspino
Tommaso Raspino

finalmente svegliato, essendo stato un assente non giustificato nei primi dieci minuti. La partita è in mano di Roma che può perderla solo lei ma sembra non voglia farlo perché è praticamente infallibile dall’arco e la schiacciata di Bobby Jones è servita ad iniziare a scavare la fossa per la Consultinvest, destinata a retrocedere, a meno che compia il secondo miracolo consecutivo.
Solo uno spunto di Reddic manda i suoi a -12, 39 a 51 per la squadra di Dalmonte.

Al ritorno dagli spogliatoi Pesaro sembra abbia la forza di riapre la partita e infatti nel corso del quarto riuscirà anche ad avere solo due possessi di svantaggio, pochissimo rispetto ai 18 del secondo quarto. La decisione spartiacque della partita è stata l’espulsione di Laquinton Ross per doppio tecnico. Decisione sicuramente discutibile visto il momento del match e visto il fatto che comunque Ross non ha fatto del male a nessuno ma semplicemente ha esultato in modo troppo vivace. Eppure nei minuti subito successivi la decisione arbitrale, la Victoria Libertas sembra abbia una spinta in più e va all’ultimo riposo sotto solo di 8 punti: 63 a 71. Completare la rimonta e vincere la partita rimane sempre difficile, vista anche la partita di De Zeeuw, ma non impossibile.

La Consultinvest Pesaro prova a rientrare ma l’Acea è una squadra compatta e sa gestire i vantaggi. Forse siamo di fronte all’eccezione che conferma la regola. L’Adriatic Arena diventa una bolgia dopo l’ennesimo tecnico fischiato a favore di Roma ma tutte queste ingerenze arbitrali danno una grandissima musso pesarocarica ai ragazzi di Dell’Agnello ed in particolare a Tommaso Raspino che gioca la partita migliore della sua vita. Sembra una bugia ma a 3 minuti e mezzo dalla fine Pesaro riesce a mettere la testa avanti sul 77 a 76 grazie al libero di Myles. 
L’Acea torna subito in vantaggio ma è solo momentaneo perché Myles fa un qualcosa di straordinario e porta i suoi sull’85 a 82 quando mancano solo 11 secondi alla fine della partita. De Zeeuw segne due liberi e siamo sull’85 a 84 Pesaro. Raspino risponde con due liberi e la vittoria è vicina ma Stipcevic non ci sta a fa ancora -1. Il solito Raspino subisce fallo e mette i due liberi che consegnano la prima vittoria della stagione a Pesaro perché Bobby Jones fa 0/2 e l’Acea Roma viene sconfitta per 89 a 87 
E’ vero che Roma ha giocato e perso tre supplementari mercoledì ma onore e merito va a questa Pesaro che non ha mai mollato nulla.

MVP: Myles ma nota d’onore per Raspino perché segna i liberi che consegnano la vittoria a Pesaro.

Consultinvest Pesaro: Myles 27, Reddic 10, Raspino 11, Williams 8, Ross 8, Musso 15 e Judge 10

TL: 20/29   T2: 24/40   T3: 7/20
Rimbalzi: 21 (Judge 10)
Assist: 6 (Williams e Musso 2)

Acea Roma: De Zeeuw 14, Triche 9, Jones 18, Stipcevic 16, Gibson 12, Sandri 5, Ejim 5 e Morgan 8.

TL: 26/33   T2: 17/36   T3: 9/30
Rimbalzi: 32 (Jones 8)
Assist: 7 (Triche 3)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.