Pistoia ora è finita, Cantù vittoria playoff

Home Serie A Recap

PISTOIA – CANTU’ 74-84

(25-19, 41-41, 55-58)

Niente da fare, se non arriva un 20-0, come con Milano grazie al giudice sportivo, Pistoia non sa proprio più vincere davanti al suo pubblico. Con Cantù eppure era una partita da vivere o morire per restare in A: è finita invece dopo 33 minuti, con Stone e Jefferson a trovare i punti di un allungo decisivo dopo tre quarti comunque in bilico. Ancora negativo Mitchell, che segna la prima tripla al 39′ dopo 13 tentativi, troppo solo Peak. Cantù domina con Stone e nel complesso gioca sicuramente meglio restando in corsa per i playoff.
L’ultimissima chiamata per la ORiOra inizia piuttosto male: 4-9 al 4′, con Stone a schiacciare già due volte e Mitchell dall’altra parte a litigare col ferro (0/4). Della Rosa parte in quintetto al posto di Odum e ripaga con il momentaneo 9 pari, e con l’ assist per un ottimo Peak per il 12-13.
Gara in equilibrio nonostante lo 0 su 7 di Gaines, Moretti ordina una zona ben fatta mentre Peak sale a quota 10 con due giochi da tre punti consecutivi, e Pistoia va sul 21-19. Al 10′ Cantù é sotto di 6 dopo la giocata con fallo subito da Tony MItchell. 
Non dura la cosa: subito parità per gli ospiti con Davis ispirato e fin troppo libero in area, ma Pistoia c’è con Peak immarcabile a punire ogni distrazione e con Odum che si sblocca con la tripla del 32-25. Timeout per Brienza, il tira e molla riprende, Cantù difende meglio e si riavvicina con la tripla di Stone (34-32). 
Pistoia in bambola: due contropiede subiti in 20 secondi e stavolta è Moretti a chiedere timeout sul meno due, ma uno scatenato Peak fa ancora il diavolo a quattro. Due penetrazioni e il 39-36 é fatto. Sul più 5 Pistoia sciupa due palloni pesanti e Gaines si sveglia dopo 10 errori consecutivi: 5 punti a fila e tutti al riposo sul 41 pari.

Si riparte con gli ospiti più reattivi: Carr e Stone portano subito Cantù sul 45-50 ma Gaines forza troppo e si prende anche un tecnico che riavvicina un attimo Pistoia.
Cantù ha preso le misure, Pistoia sparacchia ora è Jefferson sotto canestro capisce che è il momento di affondare: 48-56, I biancorossi si aggrappano alla tripla di Odum e a un Peak già a 20 punti per restare sul meno tre al 30′.
Mitchell inchioda subito per il meno uno, ma Stone si porta a quota 20 con una tripla pesante: é quella del 59-65 con cui Moretti é costretto a chiedere sospensione. Pistoia perde energie e forse convinzione, con Mitchell che dopo aver sbagliato 11 triple di fila sbaglia anche la schiacciata sul meno 8.
Krubally ci prova, ma sul meno 6 Blakes indovina la bomba del 63-72 e poco dopo l’inclusione ch chiude i conti. Il Palacarrara inizia a mollare e fischiare, la retrocessione ora è davvero vicinissima anche se per l’aritmetica manca ancora. 

Pistoia: Bolpin 2, Della Rosa 3, Mitchell 24, Peak 21, Krubally 8, Auda, Crosariol 8, Mesicek, Odum 8. All. Moretti

Cantù: Gaines 9, Carr 5, Blakes 12, Parrillo, Davis 10, Tassone, LA Torre 5, Stone 24, Jefferson 19. All. Brienza 

Qui tutte le statistiche della partite.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.