Playoffs Liga Endesa, semifinali: Colpaccio del Valencia in gara-2, ancora tutto facile per il Barca

Estero Home Spagna

Mentre il Barca continua a passeggiare contro un Unicaja Malaga irriconoscibile, il Real viene sorpreso in casa dal Valencia Basket, che vince una partita bellissima.

Guillem Vives, suoi i liberi decisivi per la vittoria del Valencia Basket.
Guillem Vives, suoi i liberi decisivi per la vittoria del Valencia Basket.

Colpo a sorpresa del Valencia Basket, che pareggia la serie sull‘1-1 grazie a una vittoria in casa del favoritissimo Real Madrid. La squadra ospite domina sin dai primi istanti del match nonostante le pesanti assenze di Ribas, Martinez, segnati come day-to-day, e Kresimir Loncar, che invece ha terminato anzitempo la stagione. Nedovoc e Harangody mettono subito in crisi la difesa merengue, che all’intervallo si ritrova già con una montagna da scalare: 41-53 in favore di Valencia. Al rientro dagli spogliatori si accende la luce tra le file dei Blancos: Sergio Llull inizia a segnare da ovunque, mettendo in piedi un vero e proprio one-man-show (28 punti per la guardia) che riporta il Real sotto di due punti ad un solo minuto dal termine. Nonostante la poca freddezza ai liberi di Nedovic, la squadra naranja fa sua la partita grazie al viaggio in lunetta decisivo di Guillem Vives. Termina 89-93 in favore degli ospiti che portano la serie a Valencia, sul sorprendente risultato di 1-1.

Justin Doellman rimane sempre costante con la sua produzione nel pitturato.
Justin Doellman rimane sempre costante con la sua produzione nel pitturato.

Paradossalmente la serie che doveva essere la più combattuta, considerando che il Barca era la testa di serie numero 2 e l’Unicaja la numero 3, si sta rivelando molto meno entusiasmante di Real-Valencia. I catalani stanno a dir poco dominando la semifinale e gara-2 ne è la prova. Dopo averne rifilati 31 in gara-1, questa volta Satoransky e compagni decidono di andarci più leggeri e alla fine il passivo pagato dall’Unicaja è di “soli” 21 punti. Proprio Satoransky si sta confermando rivelazione di questi playoffs. In un Barca che probabilmente il prossimo anno cambierà metà dell’organico, il giovane play ceco si sta dimostrando un pilastro per il presente ma anche e soprattutto per il futuro: contro l’Unicaja arriva l’ennesima signora prestazione, che tradotta in statistiche recita 19 punti, 7 assist e 28 di valutazione. Attorno a lui i compagni più prolifici sono Doellman e Huertas, ma quasi tutto il roster blaugrana riesce a trovare il fondo della retina. Dall’altra parte c’è poco da dire. In questa serie i ragazzi di Joan Plaza non sono pervenuti e paiono la copia sbiadita della squadra che in regular season ha mantenuto la vetta della classifica per numerose giornate. Qualche meccanismo si deve essere rotto; solo così è giustificabile un 91-70 in una semifinale playoffs.

Real Madrid – Valencia Basket Club 89-93
Real Madrid: Llull 28, Reyes 17, Nocioni 12.
Valencia: Dubljevic 18, Vives e Nedovic 14, Van Rossom 13.

FC Barcelona – Unicaja Malaga 91-70
Barcelona: Satoransky 19, Huertas e Doellman 14, Abrines 9.
Unicaja: Granger 16, Thomas 12, Markovic 9.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.