NBA Numb3rs: George e Westbrook unici, Harden e Thompson tra alti e bassi

A circa un mese dall’inizio dei playoff le griglie delle due conference iniziano a prendere forma. Se ad Ovest le otto squadre che disputeranno la post season sono praticamente già note, ad Est rimane l’ultimo posto disponibile, per adesso conteso tra Miami Heat, Charlotte Hornets e Orlando Magic. Il rush finale sarà decisivo anche per quanto riguarda l’assegnazione dei premi finali visto che se i Bucks dovessero chiudere con il miglior record della lega sarebbe molto difficile assegnare l’MVP a qualcuno che non sia Giannis Antetokonmpo. Immediato futuro a parte, la stagione più lunga e insidiosa dell’intero globo continua e, come al solito, non mancano sorprese, record e curiosità statistiche di ogni genere. 

33. Una decina di giorni fa i Boston Celtics sono riusciti a metter da parte tutti i dubbi e i problemi che hanno caratterizzato questa stagione sfornando una prestazione perfetta contro i campioni in carica. Il -33 subito dai Warriors è la peggior sconfitta subita alla Oracle in era Kerr, in particolare, era dal 2009 che ad Oakland non subivano una sconfitta così pesante.

8/20. Continuiamo con le brutte notizie per i Golden State Warriors che, due match dopo la disfatta contro i Celtics, sono riusciti nell’impresa di perdere contro i Phoenix Suns. In quest’occasione entrambi gli Splash Brothers hanno tirato un rivedibile 4/15 da tre punti. Anche in questo caso il dato è singolare visto che mai nella loro carriera i due avevano sbagliato 22 o più triple combinate. Nel match precedente contro Denver, però, Klay Thompson ha convertito 9 delle 11 triple segnate diventando il primo giocatore della storia a concludere più gare in una sola stagione con oltre l’80% da 3 e 10 tentativi. Proprio durante questo match, Thompson ha superato quota 200 bombe a segno per la settima stagione consecutiva, solo il suo compagno Steph ci era riuscito prima.

40. Mike Conley ha legato la sua carriera a Memphis di cui è una bandiera da ormai 12 stagioni. Nonostante i buoni risultati sia individuali che di squadra raggiunti, Mike Conley ha registrato contro i Portland Trail Blazers soltanto il secondo quarantello della sua carriera.

4. Di recente, James Harden ha superato Damian Lillard per punti segnati nei soli terzi quarti. Attualmente il Barba è il giocatore con il punteggio medio più alto in ogni singolo quarto di gioco.

41. James Harden usa, e ogni tanto abusa, del tiro da 3 punti come solo a Stephen Curry abbiamo visto fare. Nel corso della stagione l’efficienza nel convertire le triple dal palleggio è calata. Ad oggi, James Harden ha sbagliato almeno 10 triple in ben 41 delle 69 partite giocate. Inutile aggiungere che occupa il primissimo posto in questa classifica, segue Stephen Curry a quota 25.

25. La stagione dei New York Knicks ha pochissime note positive. Una di queste è il rookie Mitchell Robinson che sta guadagnando apprezzamenti e applausi in giro per la lega grazie alle sue straordinarie doti di difensore, soprattutto nei pressi del ferro. La 36esima scelta dell’ultimo draft ha stoppato almeno un tiro (ma spesso e volentieri più di uno) in tutti gli ultimi 25 match. Solo Shaquille O’Neal e Kevin Garnett sono riusciti a far di meglio nella loro prima stagione tra i pro.

15. OKC ha sprecato un grosso vantaggio nell’ultimo match disputato contro i Pacers finendo per perdere 106-108. In quest’occasione però, George e Westbrook sono diventati la coppia di compagni che più volte è riuscita a chiudere un match, rispettivamente, ad oltre 30 punti segnati e con una tripla doppia. In questa stagione ci sono riusciti ben 15 volte.

18. Nel match di stanotte contro i Sacramento Kings, tutto il quintetto dei 76ers ha chiuso ad almeno 18 punti segnati, prova del fatto che la chimica di questa squadra cresce e che potrebbero giocare un ruolo fondamentale anche nel finale di maggio e giugno. Non accadeva da ben 33 anni che 5 sixers terminassero la stessa partita ad almeno 18 segnati.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.