Preview NBA: Phoenix Suns, si riparte da Dragic e Bledsoe

Home

Phoenix Suns

Quindicesimi a Ovest nel 2012-13

22697061_BG1

Roster:

Eric Bledsoe, Goran Dragic, Kendall Marshall, Ish Smith / Shannon Brown, Gerald Green, Archie Goodwin / PJ Tucker, Marcus Morris / Markieff Morris, Miles Plumlee, Vlacheslav Kravstov / Marcin Gortat, Alex Len, Channing Frye.

 

BledsoeLa Stella: Eric Bledsoe

L’indecisione è stata tanta, perchè nel roster c’è anche un signore di Goran Dragic che ha svolto il compito del comprimario troppo a lungo, ma alla fine la nostra scelta è ricaduta su Eric Bledsoe. Non un luminare del playmaking, una point guard più sullo stile di Russell Westbrook che su quello di Chris Paul, ma un giocatore di assoluto potenziale. Dopo tre stagioni ai Los Angeles Clippers da playmaker di riserva, Bledsoe avrà senza dubbio molti minuti a disposizione quest’anno dal momento che i Suns puntano molto su di lui. Probabilmente dovrà dividere il backcourt con Dragic, uno dei due si sposterà al ruolo di guardia perchè sarebbe uno spreco utilizzarlo da sesto uomo.

 

L’arma in più: Marcin Gortat

Lo ha dichiarato lui stesso, sono i suoi ultimi mesi ai Phoenix Suns, ha anche deluso all’Europeo dando davvero poco alla sua Polonia rispetto a quello che ci si aspettasse, ma Marcin Gortat resta l’arma in più della franchigia. Il polacco è un lungo molto sottovalutato, capace di garantire moltissime doppie-doppie. Nei tre anni a Phoenix, dopo essere stato la riserva di lusso di Dwight Howard a Orlando, ha sempre fatto bene nonostante gli scarsi risultati della squadra. In un anno che con ogni probabilità sarà simile a quello scorso dovrà tenere a galla i Suns, il cui obiettivo però è uno solo e si chiama Wiggins.

 

jeff-hornacekIl coach: Jeff Hornacek

Come in numerose franchigie NBA, anche a Pheonix si è optato per il cambio di allenatore: è arrivato Jeff Hornacek, che proprio ai Suns aveva iniziato la propria carriera da giocatore. E’ un coach nuovo, non ha mai svolto il ruolo di capo allenatore finora ed è reduce da tre anni come assistente agli Utah Jazz. Nelle prime uscite davanti ai microfoni Hornacek ha dichiarato di volere un miglioramento della squadra nel tiro da tre punti e che la maggior parte delle conclusioni saranno nelle mani delle guardie tiratrici. Se si esclude Dragic, però, i Suns non hanno delle grandissime opzioni per quanto riguarda i tiratori e dovremo stare a vedere quanto i buoni propositi dell’allenatore saranno effettivamente realizzabili. Marcin Gortat ha dichiarato di recente che la prima cosa notata nel nuovo coach è stata la calma con cui dirige, il fatto che Bledsoe abbia concordato non fa che confermare la caratteristica fondamentale quando si va ad allenare questi Suns.

 

Il mercato: via Beasley e Scola, Len potrebbe non essere sufficiente

A Phoenix in estate c’è stata una sorta di rivoluzione: sono partiti Michael Beasley, a causa dei numerosi problemi comportamentali, Luis Scola, Wesley Johnson, Jermaine O’Neal, Jared Dudley e Hamed Haddadi. Beasley non ha mai ingranato negli anni ai Suns e liberarsene sembra essere stata una buona mossa, Luis Scola è stato perso praticamente in cambio di nulla se non una scelta futura. Sono arrivati Gerald Green, che aiuterà a vendere più biglietti con le proprie schiacciate, Eric Bledsoe, di cui abbiamo già parlato, e poco altro. Dal Draft è stato scelto con la numero 5 Alex Len, centro ucraina destinato a subentrare in quintetto all’addio di Gortat. Sul rookie però i dubbi sono numerosi: troppo “soft” e scarso a rimbalzo, in relazione con i 216 centimetri che misura, Len faticava sotto le plance al college, incontrerà maggiori difficoltà in NBA. Se a questo aggiungiamo che è reduce da un infortunio alla caviglia il quadro è completo. Una buona notizia sarà il rientro di Channing Frye dopo un intero anno ai box.

 

Aspettative: si punta al prossimo Draft

Come molte squadre NBA, anche i Phoenix Suns quest’anno giocheranno a perdere per avere una scelta piuttosto alta al prossimo Draft. Insieme ai Philadelphia 76ers sembrano i maggiori candidati all’ultima posizione nella Lega e non si può certo sognare con un roster così squilibrato, manchevole di un degno titolare nello spot di ala piccola e con pareccgi dubbi su quello di guardia: Hornacek farà giocare insieme Dragic e Bledsoe? Possono questi due giocatori effettivamente coesistere? Se l’anno scorso i Suns hanno chiuso ultimi a Ovest, quest’anno le aspettative non sono migliori, anche perchè il livello della Conference si è alzato.

[banner align=”aligncenter”]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.