Prima bellissima vittoria in trasferta per Milano, battuto il Panathinaikos

Coppe Europee Eurolega Home

Panathinaikos OPAP Athens 78-79 AX Armani Exchange Milano

(20-24, 18-14, 19-23, 21-18)

 

Primo possesso per l’Olimpia sotto i fischi dell’OAKA SportsCenter. Le due squadre iniziano a combattere colpo su colpo già nelle fasi iniziali del match. I primi ad alzare la voce sono Micov e Scola che con due triple portano Milano sul 6-10. Papaiannis e Calathes provano a rifarsi sotto, ma gli ospiti continuano a tirare con buone percentuali costringendo il Panathinaikos a chiamare timeout a metà del primo periodo sul punteggio di 10-15. Il Panathinaikos ribalta la situazione e, giocando sui rimbalzi offensivi, rimette il naso davanti sul 16-15. Questa volta è coach Messina a fermare il gioco per ridare un po’ di fiducia ai suoi giocatori. Milano viene fortemente penalizzata da una carestia di punti lunga quasi tre minuti ma, grazie soprattutto al Chacho Rodriguez, riesce a chiudere la prima frazione di gioco in vantaggio sul 20-24. In avvio di secondo quarto Wiley conquista il pubblico con le sue giocate, portandosi a quota 8 punti dopo soli 6 minuti sul parquet e riportando il risultato in perfetta parità a quota 26. Entrambe le squadre difendono molto bene, ma Milano commette qualche fallo di troppo e Messina si vede costretto a far sedere in panchina Rodriguez quando il punteggio è sul 28-30. L’Armani Exchange perde momentaneamente anche Brooks (costretto ad uscire a seguito di una brutta scivolata su uno degli adesivi pubblicitari), ma riesce comunque a mantenersi in partita grazie ad un ottimo Michael Roll da 10 punti in 11 minuti. Nonostante i tanti rimbalzi offensivi, i greci faticano a buttare la palla in fondo alla retina. Una tripla allo scadere di Calathes permette al Panathinaikos di riagganciare Milano e di andare alla pausa lunga sul punteggio di 38 pari.  

Di rientro dagli spogliatoi ritroviamo anche Brooks sul parquet. Le due squadre danno vita ad uno spettacolare botta e risposta, e lo spettacolo si alza di pari passo con le percentuali. Una migliore difesa ed uno straordinario Luis Scola permettono agli ospiti di aprire un piccolo divario sul 42-47. Calathes e compagni, però, rispondono prontamente e ribaltano ancora una volta la situazione, fissando il punteggio sul 50-49. Micov e Rodriguez si oppongono a Fredette e Calathes in una serie di duelli spettacolari che si risolvono, però, in un ennesimo nulla di fatto. Alla fine della terza frazione di gioco il risultato è ancora in bilico, con L’AX Armani Exchange davanti di quattro lunghezze sul 57-61. Il quarto periodo si apre con un deludente 0/2 ai liberi di Tarczewski che permette ai padroni di casa di tornare prontamente in parità a quota 61. L’Olimpia sembra avere un calo di energia, calo che permette ai greci di ritoccare il proprio massimo vantaggio e fissare il punteggio sul 68-61. Alla fine ci pensano Micov e Brooks a bloccare l’emorragia dell’attacco milanese con due triple che valgono il 68-67 e costringono il Panathinaikos a chiamare timeout. La partita prosegue ancora colpo su colpo, con le due squadre che si affacciano all’ultimo minuto del match sul punteggio di 76-77. Le ultime fasi del match sono decisamente frenetiche: sorpasso dei greci sul 78-77 e controsorpasso Olimpia con due liberi di Moraschini che valgono il 78-79 a meno di nove secondi dalla fine. Il Panathinaikos sfrutta il timeout per rimettere in attacco e giocarsi il tutto per tutto dando il pallone a Calathes che, però, sbaglia il runner e consegna la vittoria all’AX Armani Exchange

 

Panathinaikos OPAP Athens: Calathes 23, Wiley 17, Fredette 9, Mitoglou 8

AX Armani Exchange Milano: Micov 18, Scola 17, Roll 16, Rodriguez 10, Brooks 6

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.