Prospetti NCAA #17: James Young

Home

james youngAltezza: 198 cm

Peso: 98 kg

Ruolo: Shooting Guard

Classe: Freshman

Università: Kentucky Wildcats

James Young nasce a Flint, nel Michigan, in una calda giornata di Agosto del 1995. Nella sua giovane infanziz ha frequentato due diverse scuola: per i primi tre anni ha studiato nella Troy High School, a Troy (Michigan), per poi spostarsi alla Rochester High School, a Rochester Hills. Per i primi due anni non stupiscono molto le sue prestazione a Troy, in quanto assolutamente normali per un giocatore di quelle dimensioni. Nel suo terzo anno, quello da Senior, il giovane Young (scusate il gioco di parole) disputa una stagione spettacolare, mettendo a segno 25.1 punti, 10.5 rimbalzi, 4.5 assist e 2.5 steals: cifre assolutamente irripetibili per un ragazzo di quell’età. E invece no! La stagione successiva, quella 2012-2013, Young cambia come abbiamo già detto liceo, e migliora ogni singola statistica rispetto alla stagione precedente: si parla di cifre quali 27.2 punti, 16 rimbalzi e 5.7 assist. Queste sue ultime prestazioni gli valgono la chiamata al McDonalds All-American: il torneo che chiama i migliori liceali della nazione, in una manifestazione tanto divertente quanto fondamentale per i talent scout delle maggiori università USA.

Dopo le ottime stagioni al liceo, James riceve diverse borse di studio, tra le quali non mancano certo college importanti come Kentucky. Ed è proprio la proposta dei Wildcats di coach Calipari che avrà la meglio. La squadra è molto giovane e nel roster sono presenti addirittura 8 freshmen su 13 della rosa finale, ma i nomi importanti non mancano: Julius Randle, i fratelli Harrison e Alex Poythrees.

james young1La stagione è promettente: la squadra ha molto talento e i meia sono molto fiduciosi di questa squadra. Purtroppo l’inesperienza del roster paga e i risultati non sono proprio soddisfacenti. La squadra alla fine riesce a qualificarsi alla March Madness.

Chi lo avrehhe mai detto: la squadra stupisce tutti e vince senza grosse difficoltà nei primi turni. La qualificazione alle Final Four sembrava un miraggio, ma la squadra più giovane di tutti i tempi ha la possibilità di scrivere la storia. Tutti sanno come come si è concluso il torneo, con la sorprendente vittoria di Connecticut a discapito proprio di Kentucky, ma la squadra si è fatta conoscere in tutto il paese.

La stagione del nostro protagonista è di quelle che lasciano il segno, perchè il suo nome inizia a circolare e la possibilità di approdare nelle NBA non è più un miraggio. Le cifre sono nella norma: 14.3 punti, 4.3 rimbalzi e 1.7 assist, tirando con il 47% dal campo, il 35& dalla lunga distanza e il 70.6 dai liberi. La prima cosa che colpisce di questo giocatore è la sua versatilità offensiva: può colpire dalla lunga distanza oppure in penetrazione, attaccando il ferro e tirando dalla media. Il suo è uno di quei fisici importanti, che gli permette di sovrastare gli avversari in post: atleticità che si mischia con potenza, la percentuale grassa del suo corpo è veramente minima e le sue schiacciate sono spettacolari. Ha un perfetto cotrollo del corpo e risulta uno dei migliori rimbalzisti nella sua posizione.

Certo è che per fare quel salto di qualità deve migliorare alcuni fondamentali, come ad esempio il ball handling, e compiere la definitiva transizione da shooting guard a small forward. Dovrà sicuramente migliorare le sue abilità difensive per potersi ritagliare uno spazio tra i “grandi”: non si è ancora ben capito se si tratta di pigrizia o ha veramente bisogno di chiudersi in palestra e lavorare e lavorare.

Il suo nome si aggira attorno alla scelta numero 20 e dfficilmente potrà salire. Le potenzialità di questo giocatore sono importanti e i paragoni più frequenti lo accostano a Aaron Afflalo. Non sono proprio convinto che in un vicino futuro possa diventare un Star a livello Nba, ma di sicuro un posto nelle rotazioni di una squadra importante, una contender ad esempio, lo può conquistare.

Latest posts by Giovanni Aiello (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.