Quanto spazio salariale avranno i Lakers dopo la trade per Anthony Davis?

Home NBA News

In queste ultime ore si sta parlando molto dell’ufficializzazione della trade per Anthony Davis, che potrebbe avere delle serie implicazioni sul salary cap dei Los Angeles Lakers e quindi sulla possibilità di offrire il massimo salariale ad una terza stella il mese prossimo. In particolare, per regolamento, le trade possono essere ufficializzate a partire dal 6 luglio: questo sembra essere il destino per Lakers e New Orleans Pelicans.

Siccome il Draft NBA è in programma il 20 giugno ed un ragazzo scelto non può firmare un contratto ufficiale prima di 30 giorni, le soluzioni sono due:

  • La trade viene ufficializzata il 6 luglio e nello scambio vengono inseriti i diritti sul giocatore scelto con la #4 (quindi non un vero salario).
  • La trade viene ufficializzata a giocatore scelto e ufficialmente firmato, quindi come minimo il 30 luglio (30 giorni dal 1 luglio), e a quel punto viene inserito il salario del rookie nello scambio.

La differenza per i Lakers c’è ed è rilevante: nel primo caso avrebbero uno spazio salariale di 27.7 milioni di dollari, nel secondo di 32.5 milioni di dollari. Il problema nasce dal momento che la Summer League inizierà il 5 luglio: siccome i Pelicans sembra vogliano cedere la scelta #4 prima del Draft, in sede di trattativa potrebbe pesare il fatto di dover aspettare il 30 luglio per vedere il rookie effettivamente con la nuova maglia. Inoltre l’attesa precluderebbe alla terza squadra che otterrebbe la #4 di far giocare il proprio prospetto in Summer League. Per questo motivo sembra improbabile che NOLA acconsenta ad attendere fino al 30 luglio, propendendo invece per il 6 luglio.

A questo intricato scenario si aggiunge il fatto che, da contratto firmato con i Pelicans, Davis è in possesso di un trade bonus di 4 milioni. In caso di scambio, è quindi stabilito che il lungo abbia diritto a 4 milioni extra sul salario da parte della nuova squadra: è possibile che AD decida di rinunciare a questa clausola per favorire i Lakers, se però così non fosse lo spazio salariale giallo-viola scenderebbe ulteriormente a 23.7 milioni di dollari. Decisamente troppo pochi per un massimo salariale, a cui comunque andrebbero sommati i milioni necessari per completare il roster.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.