Quella volta che Kobe Bryant diede del figlio di putt**a a Shaquille O’Neal

Home NBA News

Kobe Bryant era un tipo competitivo. Questo è esattamente il motivo per cui era di umore molto acido dopo la sconfitta nelle NBA Finals dei Los Angeles Lakers per mano dei Detroit Pistons nel 2004.
Il giovane Kareem Rush ha ricevuto un’osservazione che solo Kobe Bryant gli avrebbe potuto dare e il commento riguardava Shaquille O’Neal.

L’autore di best seller, Jeff Pearlman, è apparso di recente nel podcast Dunks & Discourse e ha raccontato un aneddoto esilarante su Kobe che sfogava la sua rabbia su un Rush inconsapevole subito dopo che i Lakers avevano perso contro i Pistons in cinque partite.

Secondo Pearlman, il proprietario dei Lakers, Jerry Buss, aveva organizzato una sorta di festa di consolazione per i californiani, e durante l’evento, Rush sembrava divertirsi, sostenendo anche che era stato ancora un “grande anno”, nonostante la sconfitta. Questo, ovviamente, fino a quando Kobe non ha posato gli occhi su di lui e ha pronunciato queste parole su Shaq:

“Non gioco più con quel figlio di putt**a”.

Inutile dire che Bryant non era di buon umore in quel momento e decise di non trattenersi con le sue critiche. La faida Kobe-Shaq era in corso da un po’ di tempo a quel punto e Bryant era estremamente frustrato dopo la miserabile esibizione dei Lakers nelle Finals. Erano pesantemente favoriti e non poteva accettare che aveva perso contro i Pistons.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.