Rajon Rondo: il bello di essere sé stessi

Home Oltre il Canestro

New York 1886.

“E’ uno scherzo vero? La colpa è stata mia che ti ho assunto. Avrei dovuto ascoltare Edison, non fidarmi di uno slavo da quattro soldi come te.”

Questa frase fu pronunciata da uno dei finanziatori del progetto Electric Light & Manufacturing.  Il ricco esponente della cordata sponsorizzatrice del progetto è furibondo, convinto di aver gettato al vento un patrimonio, nella speranza di riuscire ad avere tra le mani un prototipo di un nuovo motore: un motore elettrico a corrente alternata. A capo del progetto Nikola Tesla.

“La corrente alternata è il futuro, permette di trasportare energia elettrica con pochissime perdite ad alte tensioni, accumulare energia in batterie è inutile”

Kentucky 2004.

“Non è possibile chiudere con un numero così basso di punti. Mi servono i punti del playmaker per vincere le partite”

Tubby Smith, allenatore dei Kentucky Wildcats, sta parlando con un giovane Rajon Rondo. Il play ha appena terminato una partita collezionando 14 assist e 8 rimbalzi, ma solo 6 punti.  Smith è convinto di avere un grande giocatore tra le mani, ma pretende che quest’ultimo migliori il tiro, soprattutto quello dalla line dei tre punti. Rondo non è assolutamente d’accordo:

“Devo aumentare assist e rimbalzi, i punti li faranno i miei compagni, credo che questo sia il futuro per il ruolo del playmaker”

New York 1890. La Guerra delle Correnti.

Edison e Tesla instaurarono una vera e propria guerra tra corrente continua ed alternata. Il primo investì enormi risorse nel pubblicizzare la sua scoperta, portandolo fino alla bancarotta. Infatti, dopo l’invenzione del Motore ad Induzione, Tesla sferrò un attacco mortale ad Edison (suo vecchio datore di lavoro) portando la vittoria dalla sua parte. La corrente alternata poté infatti essere distribuita a costi bassissimi e senza necessità di accumulazione, processo molto dispendioso e poco produttivo.

Boston.2008-2009. Mr. Triple Double.

I Cetics hanno appena vinto il loro 17° anello e Rondo, nonostante l’infortunio al ginocchio, fornisce 8  assist ai compagni. L’anno successivo le sue “triple doppie” accompagnano i Celtics ad un record di 19 vittorie consecutive. In gara due di semifinale playoff contro Cleveland fornisce 19 assist,  record di franchigia per una semifinale di Conference condiviso con Bob Cousy.

In gara quattro prende 18 rimbalzi  distribuendo 12 assist. Il suo modo di vedere Basket contribuirà alla rivisitazione del ruolo di playmaker. Un giocatore con capacità, non solo di fare punti, ma anche di vedere il gioco e prendere rimbalzi.

Ad oggi tutto il mondo si regge sull’invenzione partorita da Tesla e il Basket ha cambiato modo di esprimersi grazie al modo di giocare di Rondo.

Sarebbero andati d’accordo i due, me li immagino seduti a cena mentre discutono su come poter cambiare il modo di intendere la vita, anche partendo da piccole cose, due personaggi di rottura che hanno creduto sempre nelle loro idee, senza smussarle mai.

“Voler essere qualcun altro è uno spreco della persona che sei.”

Grazie Marilyn, tu sei sempre la benvenuta ad una cena.

 

  • 26
  •  
  •  
  •  

Commenta

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.