Dopo quaranta minuti tiratissimi Ravenna la spunta su Caserta

Serie A2 Recap

OraSì Ravenna-Sporting Club Juvecaserta 97-92

(25-21; 25-28; 24-28; 23-15)

Nell’anticipo domenicale delle ore 12:00, valido per la quarta giornata di Serie A2 Girone Est, l’OraSì Ravenna ha sconfitto la Sporting Club Juvecaserta con il punteggio finale di 97-92. Il match è stato estremamente spettacolare e caratterizzato da molti break creati dall’una e dall’altra parte. Il protagonista assoluto è stato senz’altro Charles Thomas, autore di trentatré punti e sei rimbalzi in trentuno minuti di gioco. Per gli ospiti non sono bastati i ventiquattro di un ottimo Mike Carlson ed i ventitré di un solidissimo Norman Hassan. Grazie a questo successo i romagnoli si portano con sei punti, derivati da tre vittorie ed una sconfitta, al secondo posto in classifica in attesa delle altre sfide di giornata. Per quanto riguarda i campani restano a due punti ed a questo punto assume un valore maggiore la sfida del 30 ottobre in casa contro Montegranaro. Invece l’OraSì farà visita a Piacenza sempre nel giorno prima di Halloween ma ora passiamo al match disputatosi oggi.

PARTITA – L’inizio del match è subito spettacolare ed interessante con Caserta che si porta immediatamente in avanti. Nei primi quattro minuti e mezzo del match il mattatore è Norman Hassan che realizza otto dei suoi ventitré punti personali issando gli ospiti sul 5-13. Ravenna però c’è e reagisce con un contro break di 8-0 firmato da una tripla di Giddy Potts e da cinque punti consecutivi di Tommaso Marino (13-13 al 6′). Subito dopo il canestro del numero undici accade qualcosa che cambia la partita dal punto di vista tattico ovvero il secondo fallo di Marco Cusin. A causa di ciò il coach dei ravennati Massimo Cancellieri decide di cercare costantemente sotto canestro la stella Charles Thomas. Risultato? Il lungo americano segna otto punti nei restanti minuti del gioco del primo quarto mettendo in estrema difficoltà i lunghi dei campani. Dall’altra parte del parquet Caserta ha il merito di restare a contatto. Il merito è principalmente è dei quattro punti di Mike Carlson che inizia a scaldare la sua mano. I primi dieci minuti si chiudono sul 25-21 ed a cavallo con il secondo quarto i romagnoli realizzano un break di 11-0 (33-21 al 12′). Il merito va a Luigi Sergio che ha avuto il merito di realizzare otto punti che sono stati però gli ultimi della sua partita. I campani metabolizzano il colpo, restano poco sopra la doppia cifra di vantaggio per un paio di minuti fin quando piazzano il contro break di 2-10 (39-36 al 15′). Ancora una volta è Carlson il mattatore visto che si rende protagonista con un gioco da quattro punti ed una tripla in assenza di Cusin che aveva commesso il suo terzo fallo al tredicesimo. Il finale del primo tempo è da Playstation. Le due compagini si scambiano colpi su colpi soprattutto tramite il tiro da fuori realizzati da Potts da una parte, quattordici nei primi venti minuti per lui, e da uno straordinario Carlson dall’altra, autore di ventuno punti nel solo primo tempo conclusosi sul 50-49. All’inizio del secondo tempo Ravenna però si addormenta clamorosamente. Grazie ai soliti Carlson e Hassan ed a un ispirato Seth Allen, gli ospiti in un amen passano dal 50-49 al 50-62 del ventitreesimo minuto. Da qui inizia la risalita di Ravenna. Anzitutto i giallorossi si riportano sul 59-62 a causa di due triple realizzate da Tommaso Marino e dai tre liberi di Marco Venuto e con un gioco da tre punti di un dominante Thomas l’OraSì concretizza il contro sorpasso tramite questo break di 14-1 (64-63 al 26′). Successivamente, dopo un tecnico inflitto al coach Cancellieri, i ragazzi guidati da coach Nando Gentile si riportano in avanti e concretizzano un’ulteriore mini fuga al termine del terzo quarto grazie all’ottimo contributo del centro di riserva Paolo Paci che stava sostituendo Carlson autore di quattro falli fino a quel momento (72-77 al 30′). L’ultimo e decisivo quarto, iniziato con il punteggio di 74-77, si apre con uno spavento causato da una caduta sfortunata di Hassan che, scivolando su un tappetino, si procura una contusione al braccio ed alla gamba destra andando a sbattere contro lo spigolo di un cartellone pubblicitario elettronico. Dopo questo evento le due squadre continuano questa lotta arrembante con Mirco Turel che realizza il 74-79 a otto minuti dalla fine. Questo è stato il massimo vantaggio degli ospiti negli ultimi dieci minuti della sfida. Da quel momento Ravenna recupera nuovamente sino alla tripla dell’83-82 dell’estone Mikk Jurkatamm giunta a circa quattro minuti dalla conclusione. Al classe 2000 rispondono Allen e Hassan, ripresosi dall’incidente precedente, ma a questo punto arriva la svolta: il quinto fallo di Cusin a 2:30 dal termine. Infatti, subito dopo, Jurkatamm segna la sua terza tripla personale valevole per il 90-87 e, dopo il canestro di Allen da una parte e l’uno su due di Chiumenti dall’altra (91-89 a 1:15), nell’ultimo giro di orologio il match viene chiuso da due jumper di uno spaziale Charles Thomas (95-89 a 0:20). Giuri, con una bomba, da un’ultima speranza agli ospiti ma a dieci secondi dalla fine Marino fa due su due chiudendo definitivamente la sfida sul punteggio finale di 97-92.

TABELLINO

OraSì Ravenna: Farina n.e., Potts 19, Jurkatamm 9, Thomas 33, Chiumenti 6, Marino 15, Zanetti n.e., Treier 4, Venuto 3, Seck n.e., Sergio 8, Bravi n.e.. Rimbalzi 33 (Jurkatamm e Thomas 6). Assist 16 (Marino 7).

Sporting Club Juvecaserta: Allen 17, Sousa n.e., Bianchi 2, Valentini 0, Paci 6, Carlson 24, Hassan 23, Giuri 10, Cusin 8, Turel 2. Rimbalzi 24 (Cusin 8). Assist 16 (Giuri 6).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.