Repesa è una furia in sala stampa: “Tanti giocatori non piegano le gambe, diversi di loro sono a rischio”

Serie A News

Il lunch match è stato archiviato, vittoria in volata per l’EA7 sulla Fiat Torino con il punteggio di 100-97 (ennesima partita con almeno 90 punti subiti da parte dell’Olimpia); Jasmin Repesa, allenatore dei milanesi, ha però qualcosa da dire in conferenza stampa, e lo fa molto duramente, puntando il dito verso i suoi giocatori:

Segnando ogni partita quasi 100 punti, abbiamo fatto un’enorme fatica a vincerlaNessuno reagisce, io devo farlo e dire la verità. Tanti giocatori non vogliono piegare le gambe e pensano ai loro numeri personali, così non andiamo avanti. Non voglio mettere il mio nome e cognome, il mio orgoglio: tutte le mie squadre sono famose per aver difeso, questa non lo fa. Si gioca in difesa senza voglia.

Il Coach croato aggiunge poi:

Torino è una squadra talentuosa, che gioca meglio in casa, ma con la nostra panchina più lunga, se c’è un minimo orgoglio dopo il secondo tempo di Bamberg, non dovevano superare i 70 punti. Ma qualcosa non va beneDopo 1’38” vedevo subito la piega della partita. Sappiamo che Torino ha buoni tiratori e non bisognava farli entrare in ritmo, invece gli avevamo lasciato tre tiri aperti. Oggi salvo solo il risultato, ma non può una vittoria nascondere i problemi veri. Se si rinviano, diventano più grandi.

E chiude così:repesa gentile milano

Mi metto in discussione, la squadra è il mio specchio, ma così non si va avanti, non si vince una partita importante, soprattutto giocando ogni due o tre giorni. E’ indolente? Se parliamo di indolenza con i contratti che prendono, è una vergogna. Sono straprivilegiati, in una società dove si sta bene, vengono pagati regolarmente. Se qualcuno di loro trova una squadra, può andare già domani. Non so se qualcuno però vuole prenderli. Siamo andati sul mercato dopo Maccabi, spagnoli, greci e Cska e nessuno li ha presi”.

E c’è anche la punizione:

Allenamento doppio domani: o piegheranno le gambe o vanno fuori. Sto anche pensando a soluzioni a livello individuale, sono tantissimi a rischio. Purtroppo”. 

Fonte: baskettissimo.com

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.