Semifinali Nazionali DNG: Reyer e Assigeco in finale, Bologna no

Home

Si sono disputate oggi a Udine, presso il PalaIndoor di Paderno, le semifinali under 19 eccellenza: Venezia – Varese la prima partita giocata, a seguire Bologna – Casalpusterlengo. Come da tradizione l’intero torneo si è svolto nella cittadina friulana, sono quasi 5 anni ormai, e il pubblico udinese di certo non manca a questo evento.

 

70 REYER VENEZIA – CAMPUS VARESE 49

(19-12 ; 39-29; 53-38)

reyer venezia u19

La partita ha visto sfidarsi per la finale di domani la Reyer Venezia, la quale l’anno scorso aveva già preso parte alla finale persa poi malamente contro Bologna, e Campus Varese, la squadra rivelazione di questo torneo. La tensione in campo e quasi palpabile ed i giocatori di Varese sembrano pagare l’inesperienza, che nei primi minuti porta a molte palle perse e stupide infrazioni di passi. La frenesia offensiva dei ragazzi di coach Schiavi paga  contro una perfetta difesa della Reyer, che pressa gli avversari già dalla loro metà campo. La partita nei minuti iniziale è equilibrata, ma tra le file di Venezia spicca il nome di Giovanni Vildera, autore di 13 punti già all’intervallo. Come previsto i lunghi veneti riescono ad imporsi sotto canestro e la lotta a rimbalzo è determinante.

Nella ripresa la storia non cambia e Venezia dopo pochi minuti si porta sul +14, costringendo il coach avversario a chiamare un timeout. Le percentuali al tiro non aiutano Varese, che nonostante i numerosi tentativi, sbaglia tanto, troppo, dalla lunga distanza. Sotto ormai di 15 punti provano il tutto per tutto schierando la zona difensiva, ma la mancanza di un vero leader in attacco avvantaggia la Reyer, che per tutti e 40 i  minuti di gioco ha messo in piedi una solidissima difesa. Gli ultimi minuti sono dettati da una fase di stallo, con Venezia che dimostra freddezza e solidità, controllando la partita fino alla sirena finale.

MVP: Giovanni Vildera, chiude con 17 punti, tutti realizzati nei primi 30 minuti di gioco, e una presenza sotto canestro che ha condizionato pesantemente la difesa di Varese.

Reyer Venezia: Mihalic 2, Tinsley 9, Freschi 0, Zennaro 3, Vildera 17, Paolin 10, Bertolo 9, Marcon 8, Guisse 6, Trevisan 0, Akele 6, Zuccaro 0. Coach Buffo

Campus Varese: Moalli 7, Innocenti 6, Tonella 2, Piccoli 8, Pagani 7, Pesta 0, Dejace 4, Sandrinelli , Crespi 2, Vai 2, Maruca 11. Coach Schiavi

52 VIRTUS BOLOGNA – ASSIGECO CASALPUSTERLENGO 70

(8-25 ; 26-38; 42-53)

casalpusterlengo u19

Questa semifinale è stata sicuramente più combattutta rispetto all’altra, ma non per questo non ha riservato delle sorprese, piacevoli o meno che si voglia. La Virtus Bologna, campione in carica per due anni di fila, cerca di centrare la terza finale in tre anni con un gruppo consolidato, mentre Casalpusterlengo vuole conquistarsi una finale che fino a qualche giorno fa sembrava impossibile. Comincia la partita e la Virtus si dimostra molle, fin dai primi minuti di gara, risultando imprecisa soprattutto in attacco. A differenza degli avversari, l’Assigeco scende in campo con grinta, mettendo in piedi una difesa aggressiva e trovando buone percentuali dalla linea dei 6.45 metri. Bologna si trova sotto di addirittura 17 punti (29-12) e allora coach Consolini, molto arrabbiato con i suoi, schiera una zona 1-3-1 nella speranza di limitare l’attacco degli avversari. Una mostruosa schiacciata di Adam Pechacek risveglia la Virtus, che rimonta fino al punteggio di 26-38 all’intervallo.

La corta panchina di Casalpusterlengo viene pagata a caro prezzo dalla squadra stessa, che deve subire lo strapotere fisico di Bologna nei primi minuti della ripresa. La zona sembra funzionare, ma i piccoli dell’Asseigeco conquistano importanti rimbalzi offensivi, che permettono alla squadra di prendere un distacco notevole. La partita non è finita, perchè Andrea Tassinari realizza due triple consecutive e costringe coach De Prato a chiamare un timeout. Nonostante la stanchezza e l’inferiorità a rimbalzo, Janelidze segna 6 punti consecutivi nel pitturato e l’asfissiante difesa di Casalpusterlengo soffoca i giocatori bolognesi. La partita viene ampiamente chiusa da una tripla di Spissu a 4:5o minuti dalla fine, che sancisce il +20. Partita sotto tono da parte di tutti i giocatori di Bologna, tra cui spicca Simone Fontecchio: troppi gli errori al tiro. Casalpusterlengo invece ci mette cuore e passione, sconfigge i campioni in carica e si appresta a disputare la finale per il titolo.

MVP: Daniel Donzelli, ala versatile dell’Assigeco, sa segnare da sotto canestro, tira con percentuali idilliache dalla lunga distanza, difende forte sotto canestro e buca la difesa bolognese: realizza 22 punti complessivi.

Virtus Bologna: Tassinari 9, Benetti 4, Allodi 0, Oxilia 1, Morisi 0, Fontecchio 6, Pechacek 23, Penna 6, Catapan 2, Tinti NE. Coach Consolini

Assigeco Casalpusterlengo: Costa 0, De Lillo 6, Vencato 4, Gallinari 0, Diouf 5, Spissu 10, Rossato 10, Janelidze 13, Dozelli 22, Del Vescovo NE, Dieve NE. Coach De Prato

Latest posts by Giovanni Aiello (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.