Rick Pitino: “Vorrei che Giannis giocasse per noi e non nell’NBA”

Coppe Europee Eurolega Home

Alla vigilia del proprio esordio in Europa, il nuovo allenatore del Panathinaikos Rick Pitino è concentrato a risollevare le sorti dei biancoverdi, che attualmente occupano l’undicesimo posto in Eurolega con un record di 6 vittorie ed 8 sconfitte, ma sono ancora imbattuti nel campionato greco.
“Non ho la bacchetta magica, non posso cambiare tutto dopo un solo allenamento. I cambiamenti partono dai fondamentali: portare meglio i blocchi, muovere meglio il pallone, migliorare le spaziature e difendere più duramente. Non si possono cambiare gli schemi in un giorno o introdurre una difesa a tutto campo, i cambiamenti devono essere sottili. Dobbiamo giocare molto meglio rispetto alla partita con Milano.”

“Come cambiano le cose? Con le vittorie. Perdere è come il cancro, si diffonde in tutto, bisogna iniziare a vincere, poi l’esecuzione migliorerà, dobbiamo già provare a farlo contro una delle migliori formazioni d’Europa (il CSKA ndr.).
Rispetto all’NBA qui si gioca più su metà campo ed in modo più fisico. Ho allenato in qualsiasi tipo di competizione e questi ragazzi sono molto più forti di quello che hanno mostrato finora, sono solamente un po’ giù di morale ed hanno una bassa autostima. Il mio lavoro consiste anche nel motivarli e farli sentire meglio nei confronti di loro stessi.”

Queste le parole del coach americano, che ha avuto anche modo di scherzare quando i giornalisti gli hanno chiesto quali miglioramenti potrebbe apportare la dirigenza nel roster attuale: “Di questo parlerò con il GM e con la proprietà, sono qui solo da un giorno. Mi piacerebbe che Giannis Antetokounmpo torni qui in Grecia e giocasse per noi invece che per i Bucks”

  • 146
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.