Roseto batte Piacenza e torna a vedere la luce dopo un mese e mezzo

Serie A2 Recap

SAPORI VERI ROSETO-ASSIGIECO PIACENZA 88-77

(22-14, 20-22, 18-25, 28-16)

Meglio tardi che mai: Roseto torna a vincere dopo 7 KO di fila e riapre i discorsi per la salvezza. E lo fa vincendo in sette uomini più i 4′ di Pierich, conducendo dall’inizio alla fine e giocando con una voglia di sbattersi mai vista in questa stagione. Continua, invece, il momento no di Piacenza, che perde la quinta gara nelle ultime sei e che oggi è rimasta troppo ancora ai suoi due americani, ad eccezione di qualche folata di Santiangeli. Non sono bastati, infatti, i 40 punti combinati di Hall e Ferguson, contro un gruppo che ha giocato di squadra dall’inizio alla fine e in cui tutti sono stati decisivi.

I primi minuti si giocano a ritmi compassati, e la palla non vede quasi mai il fondo della retina. Successivamente, sono Rodriguez e Ferguson a salire di colpi, senza però che nessuno scappi nel punteggio. Il primo break è di marca abruzzese, firmato dallo stesso domenicano (già 13 punti) e Bayehe, contrastato solo da una tripla di Hall. Dopo 10′, il punteggio è sul 22-14. Roseto riparte sulla stessa lunghezza d’onda, e tocca il massimo vantaggio sul +11 col contropiede finalizzato da Giordano. Tuttavia, Hall e Ferguson cominciano ad alzare il livello e aiutano i loro a riavvicinarsi fino al -4. E’ la stessa guardia ex Verona a respingere il nuovo tentativo di fuga dei locali, arrivando a 14 punti personali. A metà gara, i locali conducono 42-36. Dagli spogliatoi esce un’altra Assigeco, soprattutto nella metà campo difensiva, dove la Sapori Veri inizia a fare una certa fatica. In attacco, Hall è devastante e insieme a Santiangeli rimette il punteggio in parità. Roseto riparte dai due Nikolic, ma non scappa per via dei liberi che Ferguson guadagna e realizza a ripetizione. La terza frazione si chiude sul punteggio di 60-61. Sull’asse Dincic-Rodriguez gli Sharks costruiscono un nuovo allungo, che li porta ad avere 7 lunghezze di vantaggio. Nei minuti finali, la difesa su Hall, divenuto all’improvviso marcabile, permette ai locali di restare avanti nel punteggio, nonostante i punti fatichino ad arrivare. La freddezza ai liberi di Rodriguez e Mouaha e l’antisportivo guadagnato da Giordano ai danni di Ferguson mettono una pietra sopra a una vittoria fondamentale per Roseto. La partita termina 88-77.

Roseto: Giordano 14, Mouaha 5, Nikolic L. 7, Fokou ne, Adeola ne, Cocciaretto ne, Gaeta ne, Dincic 9, Bayehe 12, Rodriguez 26, Pierich 2, Nikolic M. 13. All: Germano D’Arcangeli

Piacenza: Ferraro ne, Ferguson 24, Molinaro 4, Rota, Gasparin 7, Ammannato, Piccoli 3, Ihedioha 4, Santiangeli 20, Hall 16. All: Gabriele Ceccarelli

Foto: Daniele Capone

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.