Roseto tira fuori gli attributi, annichilita Jesi al PalaMaggetti

Serie A2 Recap

Roseto Sharks – Aurora Basket Jesi 87-69

(15-11; 28-18; 26-13; 18-27)

roseto

QUINTETTI

RO: Fultz, Smith, Casagrande, Sherrod, Amoroso

JE: Bowers, Picarelli, Maganza, Davis, Benevelli

LA GARA

La partita vive subito di momenti molto accessi tra sorpassi e controsorpassi: Maganza e Davis hanno la mano calda in avvio per gli oranges, mentre gli Sharks puntano sulla forza dei lunghi Sherrod e Amoroso; il primo allungo lo firma però Smith che infila la bomba del 13-9 in un periodo fino a quel momento molto tattico e poco aperto. Sherrod firma il +6, poi Alessandri dalla lunetta chiude il primo periodo sul 15-11. Nel secondo periodo, i padroni di casa cambian faccia: con l’ingresso di Mei come tiratore e Fultz in cabina di regia, Roseto costruisce un parziale di 7-0 che vale il primo vantaggio in doppia cifra della gara (22-11). Jesi poggia solamente sulle spalle di Davis, il quale è troppo solo per fronteggiare la compagine abruzzese: i biancoblu invece giocano bene e di squadra e con le triple di Amoroso volano sul 37-16. L’americano orange trova poco appoggio dai compagni, mentre i lunghi degli Sharks limitano l’impeto dell’americano sul 43-29 che chiude il primo tempo.

www.playbasket.it

Nel secondo periodo, dopo un paio di minuti bilanciati, Smith apre il campo con 5 punti di fila per il 52-33; senza la guida di Bowers, i marchegiani sono perduti e confusi in campo e per i padroni di casa è facile gestire il vantaggio con Sherrod a dominare sotto i tabelloni e gli esterni a pungere in continuazione e alla fine del terzo periodo il punteggio di 64-40 presagisce un finale da poche emozioni, con una partita in ghiaccio. Davis trova finalmente la collaborazione di Alessandri e Janelidze, ma ormai il match è compromesso: per tutto il periodo, a Roseto è sufficiente gestire il vantaggio accumulato e centrare la vittoria per 87-69.

MIGLIORI IN CAMPO

RO: Brandon Sherrod, l’americano domina sotto le plance infilando una prova da 14 punti e 12 rimbalzi.

JE: Dwayne Davis, unico vero pericolo da Jesi chiude con 27 punti e 7 rimbalzi.

PEGGIORI IN CAMPO

RO: Riccardo Casagrande, ma solo a livello statistico con 4 punti in 26′.

JE: Tim Bowers, il grande assente del match, la peggior prova personale stagionale finora con 4 punti (2/10 dal campo) e 6 palle perse in 35′. -6 di valutazione

TABELLINI

ROSETO SHARKS: Casagrande 4, Smith 19, Cantarini, Fattori 7, Fultz 6, Paci 4, Radonjic 8, Mariani ne, Mei 11, Amoroso 14, Sherrod 14, D’Emilio; RIMBALZI: 43 (Sherrod 12) ASSIST: 23 (Fultz 7); T2: 22/39; T3: 11/31; TL: 10/16

AURORA BASKET JESI: Alessandri 11, Battisti ne, Moretti, Mentonelli ne, Scali, Maganza 12, Janelidze 8, Bowers 4, Vita Sadi ne, Davis 27, Benevelli 6, Picarelli 1; RIMBALZI: 43 (Maganza 13); ASSIST: 10 (Picarelli 3); T2: 20/49; T3: 5/26; TL: 14/18;

 

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.