Russell Westbrook ha litigato con un tifoso avversario, di nuovo

Home NBA News

Russell Westbrook non è di certo il giocatore più amato dai tifosi avversari, tanto che lui stesso qualche giorno fa aveva dichiarato che anche lui “si fischierebbe se dovesse affrontarsi“. Nel corso dei mesi però il playmaker degli Oklahoma City Thunder non è limitato a sopportare dei fischi, anzi: in molte occasioni ha iniziato un diverbio diretto con dei tifosi in particolare. Dopo Philadelphia l’anno scorso e un bambino tifoso dei Nuggets solo qualche giorno fa, ora Russ ha litigato con una coppia di tifosi degli Utah Jazz, marito e moglie. “Vi faccio il c**o. A te e a tua moglie”, la frase diretta da Westbrook alla coppia, rea, secondo lui, di averlo provocato con alcuni commenti razzisti.

Nel post-partita se ne è molto parlato. Patrick Patterson ha rivelato quale sarebbe stata la provocazione subita dal compagno, i tifosi avrebbero infatti urlato a Westbrook: “Mettiti in ginocchio come sei abituato”. Versione confermata dallo stesso playmaker ai media: “Il ragazzo e sua moglie mi hanno detto di inginocchiarmi come sono abituato a fare… Penso sia razzista. Non è appropriato, non c’è protezione per i giocatori in queste situazioni”.

Tanto se ne è parlato, che alla fine anche l’altra parte è stata ascoltata: l’uomo sotto accusa, Shane Keisel, è stato intervistato nel post-partita da KSL Sports, ma ha negato qualsiasi provocazione razzista a Westbrook.

Nel frattempo gli Utah Jazz, che durante la gara avevano più volte avvisato all’altoparlante i propri tifosi di calmarsi, hanno pubblicato un comunicato stampa in cui hanno dichiarato di aver avviato un’indagine sull’accaduto.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.