Trento-Pesaro, le dichiarazioni post-partita dei coach

Serie A News

Maurizio Buscaglia.Beh che dire, veramente contento per questa vittoria visto anche il momento, vista la classifica, visto il nostro inizio di campionato e soprattutto visto che per noi questa è la prima vittoria fuori casa. Posso dire che è circa un mese che ci stiamo esprimendo a buoni livelli e stiamo lavorando molto per avere la nostra qualità di gioco, soprattutto a livello difensivo ed infatti aver lasciato la VL una squadra che segna tanto che ha tanto talento offensivo a 65 punti significa che abbiamo fatto veramente bene. Queste non sono le partite per noi, partite ad alto score ma partite in cui bisogna avere la forza come abbiamo fatto di lavorare la palla e fare in modo che la nostra difesa cresca ed è cresciuta durante tutto il match se pensiamo che abbiamo preso 24 punti solo nel primo quarto, anche a costo di fare degli errori in attacco. Craft è un giocatore che ha grande solidità mentale e oltretutto riesce a trasmetterla a tutti ma se oggi devo scegliere uno oggi, direi Beto Gomes oggi su McCree che è un giocatore molto forte di talento, molto complicato da interpretare e direi che Beto ha fatto dei momenti veramente importanti in difesa. Ogni coach vorrebbe una second unit di livello ed infatti sono andato un filo lungo nelle rotazioni proprio perchè Mian segnava e stava andando veramente bene.

Massimo Galli. Devo dire che oggi abbiamo fatto una partita veramente sottotono e soprattutto dopo un buon inizio. Ma poi abbiamo perso fiducia in attacco con errori e questo ci ha portato a commettere anche errori in difesa. Trento con la sua fisicità e la sua aggressività ci ha messo in difficoltà e abbiamo incominciato a non trovare più le nostre soluzioni. Chiaramente non è stata una partita positiva, inutile nascondercelo, abbiamo fatto un passo indietro rispetto alla partita giocata con Avellino, in queste due partite per motivi diversi abbiamo fatto passi indietro. Errori magari anche per stanchezza , stanchezza dovuta all’intensità difensiva di Trento. Non siamo stati lucidi nelle scelte e forzando le situazioni e cercando contatti che con una difesa come quella di Trento non vengono fischiati e questo ci ha messo in difficoltà. Ora abbiamo fra tre giorni Sassari e quindi dico che bisogna vivere questi insuccessi passarci sopra e riuscire a ripartire con entusiasmo, l’entusiasmo che ci è mancato proprio in queste due ultime partite. Dobbiamo ripartire e ritrovare entusiasmo per una squadra come la nostra inesperta che vive appunto di entusiasmo.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.