Sassari fa e disfa, Venezia è più lucida nel finale: il primo atto è della Reyer

Home Serie A News Recap

UMANA REYER VENEZIA-BANCO DI SARDEGNA SASSARI 72-70
(18-14, 11-23, 25-15, 18-18)

Mani fredde in avvio, con Venezia che trova il primo canestro con una tripla di Bramos. Punteggio basso ma ritmi altissimi al Taliercio, con Sassari che corre e Venezia che non tende a rallentare. Venezia non trova subito le solite soluzioni con Watt e dunque le opzioni sono altre. Dall’altra parte Sassari si sblocca dalla distanza con Pierre, dopo tre errori consecutivi e l’equilibrio non si spezza (10-9 a 3’ dalla fine del primo periodo). Debutto nella finale per Tonut e Daye e la Reyer cambia faccia: l’americano si appoggia al vetro, Tonut al ferro e primo allungo casalingo sul 15-9. Botta e risposta tra Smith e Tonut nel finale di quarto che Venezia chiude avanti 18-14. Sassari continua a fare il suo gioco: 11-2 il parziale a favore degli isolani che costringono De Raffaele al primo timeout della serata. Watt soffre Cooley, che si prende il centro dell’area con facilità; Venezia non aggredisce a dovere e Smith ha la meglio sul pick and roll offensivo. Sassari ingrana sul +5, la Reyer lucra falli e tiri liberi e rimane attaccata al risultato impattando con De Nicolao (29-29 a 120” dall’intervallo lungo). I lagunari sono però nervosi: errori e falli in attacco che regalano tanti palloni a Sassari che chiude avanti il secondo periodo 37-29.

Al rientro dagli spogliatoi la musica non cambia: Sassari spacca in due la difesa veneziana con i lunghi e Cooley appoggia al vetro il +13 (47-34). Venezia è bloccata sul perimetro e non è di certo precisa dalla lunga distanza: Bramos e Daye litigano con il canestro e dall’altra parte Il Banco corre. Haynes sveglia il Taliercio con 5 punti in fila che ridanno ossigeno alla Reyer ma non cambia il piano partita di Sassari che, dopo qualche passaggio a vuoto, ricomincia a giocare il suo basket. Venezia non riesce mai ad entrare nell’area avversaria anche se Sassari, nel finale del terzo quarto, è troppo frenetica: Daye sul gong con una tripla insensata e Venezia, quasi dal nulla, torna avanti sul 54-52. Sassari respira e riparte spaccando la difesa veneziana e trovando un gioco da tre punti con Mcgee. Venezia spreca in attacco e dall’altra parte è ancora Mcgee a trovare la via del canestro e a ridare il vantaggio alla squadra di Pozzecco (57-55 a 8’ dalla sirena). La partita è intensa, contatti duri e ritmi frenetici. Nella bolgia del Taliercio ancora una volta Mcgee infila la difesa di casa: 7 punti consecutivi per il play della squadra sarda che diventa un vero e proprio rebus per Daye e compagni. Nonostante tuto, però, Venezia è lì: tripla e jumper per Haynes che scrive sul tabellone il nuovo pareggio (60 pari) a 5’30” dalla fine. Le difese sono asfissianti e le due squadre impiegano poco tempo per esaurire il bonus: entrambe, però, non sono precise dalla lunetta. De Raffaele si gioca la carta difensiva: Cerella toglie ossigeno a Mcgee e dall’altra parte Venezia tenta un allungo con un +5 che costringe Pozzecco al timeout. È il primo atto di una finale scudetto e in un amen Sassari ricuce lo strappo con Gentile che prima si alza dalla distanza e poi, indisturbato ne segna altri due; 68-68 e tutto da rifare per l’Umana a 70” dalla sirena. Venezia gira bene la palla, Stone segna la tripla che fa esplodere il Taliercio ed è di nuovo +3. Thomas fa 2/2 dalla lunetta ma poi si intestardisce e sbaglia il canestro del possibile sorpasso. Haynes sbaglia dalla lunetta, Sassari ha l’ultimo tiro ma Spissu si ferma sul ferro. Finisce 72-70 e gara 1 è di Venezia.

UMANA REYER VENEZIA: Bramos 8, Watt 14, Giuri,  Haynes 15, Stone 3, Cerella 3, De Nicolao 6, Tonut 11, Biligha, Mazzola 3, Vidmar 1, Daye 8.

BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Spissu, Smith 3, Pierre 4, Thomas 13, Mcgee 19, Cooley 12, Carter 7, Diop, Polonara 6, Gentile 6, Magro, Devecchi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.