F8 Talk – Dusko Savanovic: “Tutte le squadre posso vincere. E noi faremo il massimo per arrivare più in alto possibile”

Esclusive Home Serie A

A meno di 24 h dall’inizio di uno degli eventi più attesi di tutta la stagione cestistica – la Coppa Italia  BasketUniverso ha realizzato in esclusiva per voi una serie di interviste al miglior giocatore di ogni formazione di Serie A (tranne Milano). Il protagonista, questa volta, è Dusko Savanovic, ala forte del Banco di Sardegna Sassari, tra i leader biancoblu’ per carisma ed esperienza, dimostratosi grande sorpresa alla prima stagione italiana. La Dinamo avrà a che fare con la Sidigas Avellino – e Joe Ragland – nella seconda tornata di quarti di finale.

savanovic sassari

In che condizioni fisiche e mentali arrivate a questo fine settimana lungo tu e la squadra?

“Alla grande e prontissimi ovviamente. La Coppa è la prima opportunità per portare a casa trofei in questa stagione e credo che tutte le avversarie saranno pronte e affamate.”

La più quotata per la vittoria finale è assolutamente l’Olimpia Milano, prima in classifica e già vincitrice della Supercoppa lo scorso Settembre. Condivide questo pronostico? Quante possibilità avete voi di vincere?

“Penso che Milano sia assolutamente la favorita, ma tutte le squadre protagoniste hanno una possibilità, dato che parliamo di un torneo. Noi, come tutti d’altronde, daremo il massimo per arrivare più in alto possibile, senza ombra di dubbio.”

Riguardo la prima sfidante in calendario, vale a dire la Sidigas Avellino: se avessi la possibilità di “rubare” un giocatore tra le file biancoverdi, chi sceglieresti?

“Non vorrei privarli di nessuno. Mi piacerebbe giocare al meglio delle condizioni, sia noi che loro, e vedere chi sarà la migliore.”

L’ultima volta contro è stato a metà novembre (20 novembre n.d.r): savanovic sassariSassari navigava in acque molto mosse e le vittorie scarseggiavano. Poi il moto d’orgoglio e il filotto di vittorie consecutive. Qual è stata la molla che ha cambiato la stagione?
“Siamo sempre stati un’ottima squadra, che si è trovata in un brutto momento nei mesi finali del 2016. Ma è normale avere dei cali e incappare in brutti periodi. Il lavoro duro ogni giorno porta sempre grandi risultati.” 
Al giro di boa e a quattro mesi dall’esordio (contro Varese n.d.r) cosa pensi del campionato italiano, considerando la tua grandissima esperienza europea?
“Finora sono molto soddisfatto. Ha una buona organizzazione e non ci sono grosse differenze tra le diverse squadre. Ed è proprio questo a renderla competitiva ed emozionante.”
Avellino gioca una buonissima pallacanestro e ha a disposizione un roster competitivo e abbastanza profondo. Credi possa arrivare in fondo anche in Champions League? E invece Sassari quali obiettivi ha in Europa, in caso di passaggio contro Nymburk?
“Come ogni competizione, più in fondo vai, più difficile è il cammino. Hanno certamente buone possibilità vista la squadra e gli uomini di cui dispongono, ma anche le altre avversarie non sono da meno. Quanto potranno andare avanti dipenderà da tanti fattori.
Sassari quest’anno in Europa non ha alcuna pressione ma è affamata, ed è questa la migliore combinazione. Penso che anche noi potremmo andare molto avanti nella competizione ma, come detto per Avellino, dipende sempre da una miriade di fattori ed elementi. Vedremo…”
Ultima domanda: cosa ti sta piacendo di Sassari e dell’Italia in generale?
“Assolutamente lo stile di vita italiano al primo posto”.

La redazione di BaskeUniverso ringrazia la Dinamo Sassari e l’atleta Dusko Savanovic per la grande disponibilità mostrataci.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.