Sassari-Virtus Bologna: le pagelle. McLean ed Evans i migliori di una prova corale, Teodosic non trova il supporto dei compagni

Home Pagelle Serie A

La Dinamo Sassari vince il big match della 14esima giornata. I sardi si impongono per 91-77 contro la capolista Virtus Bologna, avvicinando la vetta. Gli isolani sono stati in vantaggio dall’inizio alla fine, imponendo il proprio gioco e non lasciando respirare la Segafredo. Gli emiliani dal canto loro sono incappati in una pessima giornata collettiva, con molti errori individuali e di squadra che sono da dividere tra la bravura della Dinamo nel forzarli e le disattenzioni degli ospiti.

Di seguito le pagelle della gara.

DINAMO BANCO DI SARDEGNA SASSARI

McLean: 7 – fondamentale a rimbalzo, la sua figura in area è sempre intimidatoria. Si rende pericoloso anche dall’arco facendo un insolito 2/2.

Spissu: 6,5 – si alterna in regia con Jerrels, impreciso al tiro, ma sempre in controllo del ritmo.

Bilan: 7 – costante nella produttività nel pitturato, unico per le sue caratteristiche che vengono sfruttate al meglio quando è sul parquet.

Evans: 7,5 – spina nel fianco per la difesa ospite, che sia vicino al ferro con tutta la sua energia oppure con la velocità partendo da fuori.

Pierre: 7 – meno appariscente dei compagni di reparto, ma si fa trovare sempre al posto giusto al momento giusto. Viene fuori nel finale.

Jerrels: 7,5 – perfetto in regia, non teme di prendersi le responsabilità nelle fasi più calde. E con i piedi oltre l’arco è una sentenza.

Gentile: 6,5 – rimane in ombra rispetto ai compagni, ma sa sempre rendersi utile sui due lati del campo.

Vitali: 6,5 – chirurgico, senza strafare attende che il gioco arrivi da lui ed è mortifero con due triple pesantissime.

Allenatore Pozzecco: 7,5 – la sua Dinamo gioca la partita perfetta e coglie di sorpresa la Segafredo, dominando per lunghi tratti la gara e rimanendo sempre in controllo. Una prova di forza ed un chiaro segnale al campionato, imponendo uno stop così pesante alla squadra fin qui più in forma del girone d’andata.

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Baldi Rossi: 6 – partita dai due volti. Nel primo tempo sbaglia tutto su entrambi i lati del campo. Poi però esce alla distanza e nell’ultimo quarto è tra i migliori in campo.

Cuornooh: 6 – pochi scampoli nei primi tre quarti, poi una fiammata nell’ultimo quarto dove gli viene chiesto un contributo intenso.

Teodosic: 7,5 – uomo solo sull’isola. Tiene la Virtus in partita da solo con le sue triple e le sue giocate, ma non trova le risposte giuste dai compagni. Più di 22 punti, 10 assist e 5 falli subiti non poteva fare.

Ricci: 5 – i troppi falli ne condizionano la partita, è costretto a giocare pochi minuti per volta non riuscendo ad entrare mai in ritmo.

Gamble: 5,5 – anche lui trova troppi falli, giunge al 5° nel suo momento migliore e deve abbandonare la contesa appena era entrato mentalmente nel match.

Markovic: 6 – si vede che non è al meglio, si rende pericoloso col tiro pesante, ma non è nelle sue giornate migliori.

Pajola: 5 – una tripla e poi il buio. Troppi errori, troppe palle perse, gestione confusionaria e viene mangiato dagli avversari.

Delia: 5,5 – abbina buone giocate ad errori da mani nei capelli. Quando rientra nei suoi binari di gioco è orientato, ma non appena si esce dal seminato fatica a trovare spazi e pallone.

Weems: 6 – si rivela ancora una volta il giocatore più importante di questa Virtus. Se non gira lui e commette errori sia in attacco che in difesa, crolla tutto il castello bianconero.

Gaines: s.v. – pessimo impatto, perde palloni banali, poi una botta al ginocchio lo mette fuori gioco.

Allenatore Djordjevic: 5,5 – non riesce a trovare efficaci contromisure al ritmo imposto da Sassari, la difesa della Segafredo soffre sui cambi da pick & roll e sui ribaltamenti di lato. La sua squadra incappa in una giornata no, dopo le due partite perfette con Brindisi e Monaco ci poteva stare un calo fisiologico.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.