Secondo tempo nero per Milano, il Khimki rimane imbattuto in casa

Coppe Europee Eurolega Home

KHIMKI MOSCA – AX ARMANI EXCHANGE OLIMPIA MILANO   87-79

(22-25; 25-26; 18-14; 22-14)

L’Olimpia Milano affronta la trasferta russa contro il Khimki senza gli infortunati Gudaitis e Della Valle, e per l’occasione coach Ettore Messina schiera Aaron White in quintetto assieme a Rodriguez, Micov, Brooks e Scola, mentre Kurtinaitis risponde con Jovic, Shved, Monia, Gill e Booker, dovendo rinunciare sia a Mozgov che a Timma.

Il primo canestro è un alley-oop sull’asse Shved-Gill, mentre l’Olimpia si affida esclusivamente al gioco in post di Luis Scola: il secondo alley-oop ispirato sa Shved, questa volta per Booker, vale l’8-4 per i russi. Milano firma un parziale di 7-0 ma Shved lo chiude con un gioco da 4 punti, che replica con un’altra tripla per il 15-13; negli ultimi possessi del quarto le triple di Roll e Nedovic per Milano e quella di Kramer per i russi valgono il +3 per gli ospiti (22-25).
White inaugura il secondo periodo con un canestro dalla media, mentre una tripla da distanza siderale firmata Nedovic costringe Kurtinaitis al timeout sul 24-33 Milano: il Khimhi firma un controparziale di 7-0 firmato dai canestri e dagli assist di Shved, ma due triple di Micov e Nedovic ricacciano indietro i russi. Shved sale a quota 17 con la quarta tripla della sua gara, ma 4 punti consecutivi di Scola fissano il punteggio a metà partita sul 47-51.

Rodriguez apre le marcature del secondo tempo con una tripla ed i biancorossi sembrano in generale più reattivi dei russi: Milano si porta sul +9 (47-56) ma Jovic e Booker riportano i suoi sul -3 con due triple. Il Khimki trova il sorpasso con una tripla di Bertans (58-56), mentre l’Olimpia non riesce più a trovare il canestro: Nedovic interrompe il parziale di 16-0 dei russi, ma Jovic sale in doppia cifra per il 65-58; Rodriguez con due liberi ed una tripla riporta in parità la gara in vista degli ultimi 10 minuti.
La peggior notizia per Milano arriva dopo 2 minuti del quarto periodo, con Roll costretto ad abbandonare il campo per una botta al ginocchio destro: sul parquet l’Olimpia fatica a trovare il canestro ed il Khimki ne approfitta con la stella Alexey Shved, che infila la tripla del 76-68. Jerebko prova a far scappare i suoi (80-68), mentre Milano non riesce proprio a mettere punti a referto: ci pensa Roll, che rientra in campo e manda a bersaglio la sua quarta tripla della gara, subito imitato da Micov (80-74) e l’Olimpia ritorna in scia, ma dopo il timeout di Kurtinaitis è Kramer con 4 punti consecutivi a chiudere la partita, con i padroni di casa che tornano sul +10. Nel finale di partita, Jerebko e Tarcewski fissano il punteggio sull’87-79 finale, con il Khimki che rimane imbattuto in casa e aggancia proprio Milano in classifica con 6 vinte e 2 perse.

KHIMKI: Shved 24, Kramer 9, Booker 11, Karasev, Zaytsev ne, Jerebko 19, Monia, Gill 9, Jovic 10, Valiev ne, Evans 2, Bertans 3.

MILANO: Mack, Micov 11, Biligha ne, Moraschini ne, Roll 14, Rodriguez 13, Tarcewski 6, Nedovic 13, Cinciarini ne, White 2, Brooks 4, Scola 16.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.