Semaforo Europeo: en plain azzurro

Coppe Europee Eurocup Eurolega

 

Settimana europea a tinte azzurre in Eurocup dove le italiane ottengono tutte i 2 punti. In Eurolega rialza subito la testa il Real mentre il Barcã cade malamente in casa contro un’ ottima Vitoria. Datome ed il suo Fenerbahce non si fermano più e ottengono la quinta vittoria in altrettanti match. Bene CSKA, Khimki ed Efes, brutta battuta d’arresto per il Lokomotiv Kuban.

PROMOSSI:

Reyer_VENEZIA_AVenezia – Serviva una vittoria e così è stato. La Reyer al Taliercio si è mostrata più matura che mai riuscendo a battere i tedeschi del Ludwogsburg e restando in corsa per la qualificazione agli ottavi di finale. Peccato per l’Umana non essere riuscita a ribaltare il -10 dell’andata con i tedeschi che sono stati in parte bravi ed in parte graziati dai ragazzi di Recalcati che non hanno sfruttato al meglio l’occasione. Positive in casa veneziana le prestazioni delle guardie con Goss (16 punti) e Green (10 punti) ottimi sia a livello realizzativo che di gestione. Nelle prossime gare servirà la stessa Reyer per ottenere la qualificazione al turno successivo.

Sassari – Due su due in Eurocup al Palaserradimigni per la Dinamo che vince contro il Saragozza al termine di una gara equilibratissima. I sardi, in vantaggio 44-28 all’intervallo, subiscono un contro break di 8-0 in apertura di terza frazione che riavvicina gli spagnoli. Qui, a differenza di altre volte in stagione, il Banco di Sardegna reagisce, soprattutto a livello mentale, tornando a giocare l’ottima pallacanestro mostrata fin lì. Sugli scudi per Sassari Haynes, Varnado ed Alexander ma nel complesso è stata un’ottima prova collettiva che ha portato i 2 punti in tasca alla Dinamo. In classifica Logan e compagni ricoprono la terza posizione e nel prossimo match contro il Szolnoki Olaj la vittoria è d’obbligo.

Reggio – Vittoria preziosissima per i ragazzi di coach Menetti che al PalaBigi vincono e convincono contro il Tabzonspor. Da incorniciare per la Grissin Bon i primi due quarti di gioco, chiusi 49-35, in cui i reggiani hanno mostrato tutta la propria voglia di vincere una gara fondamentale per il proseguo in Eurocup. Ottime le prove dei lunghi di Reggio, un vero rebus per la difesa turca, con Veremeenko trascinatore ed MVP del match chiuso con una doppia doppia da 16 pts. e 10 rimbalzi. Con l’89-76 finale Aradori e compagni ribaltano la differenza canestri issandosi in seconda posizione nel Gruppo K alle spalle di Trento.

Note di merito:

-ad un inarrestabile Fenerbahce che viaggia spedito in queste Top16. A farne le spese questa volta è toccato al Cedevita che si deve arrendere a 86-73. Top16 da incorniciare per Datome (19 punti contro i croati) che viaggia a 17 punti di media con percentuali altissime, 64.5 da 2 e 62.5 da 3;

-ad un ottimo Efes che sbanca Malaga 75-85 dando un’importante sterzata alla propria classifica;

-al Panathinaikos che dopo un match equilibratissimo riesce a spuntarla 82-79 contro il Darussafaka;

 

RIMANDATI:

Milano – Vince l’Olimpia in terra lituana ma non merita di essere inserita tra i promossi. La superiorità mostrata dal roster meneghino ha brillato per tre quarti di gioco poi nel quarto e decisivo periodo il black-out. Male l’atteggiamento con cui i ragazzi di Repesa non hanno saputo controbattere al parziale del Neptunas che sotto di 12 al termine della terza frazione riesce ad arrivare a giocarsi la vittoria fino all’ultimo tiro. Positivo per l’EA7 il risultato finale (73-74) ottenuto grazie ad un libero a 1.8” di Mclean. Già dal prossimo match, in programma al Forum contro l’Alba Berlino, Milano può strappare il pass per la qualificazione agli ottavi.

Trento – Semaforo arancione anche per la Dolomiti Energia che ottiene un’importantissima vittoria contro i turchi del Pynar ma, sopra di 16 lunghezze, si fa rimontare fino al 76-72 finale. Da matita verde il modo in cui Trento aggredisce da subito il match con la formazione turca in netta difficoltà. Da cancellare invece il mancato cinismo dell’Aquila che non ribalta la differenza canestri, all’andata vittoria turca 92-70, e non riesce a chiudere definitivamente la partita. Fondamentale comunque l’aver ottenuto una vittoria che permette a Trento di balzare in testa al Gruppo K.

 

BOCCIATI:

Barcã – Semaforo rosso per i catalani che dopo la grande vittoria di settimana scorsa in casa del Real non riesco a ripetersi contro il Laboral Kutxa Vitoria. Oltre al merito che va riconosciuto a Bourousis (24 punti ed MVP della gara) e compagni da un roster come quello di coach Pascual ci si aspetta ben altro. Nel cammino europeo il Barcã ancora non ha convinto appieno e non ha ancora trovato i migliori equilibri fra i vari quintetti. L’obbiettivo delle final four di Berlino resta indubbiamente alla portata dei blaugrana che devono provare a dar maggior continuità al proprio gioco e soprattutto ai propri risultati.

OlympiacosOlympiacos – I bianco rossi del Pireo stanno vivendo la fase più complicata del loro cammino europeo e ciò è stato certificato anche nella sfida con il Real. Il -12 finale di per se’ non è uno scarto da buttar via il problema principale, vista anche la pesante sconfitta di settimana scorsa contro lo Zalgiris, risiede in una mancanza di brillantezza nei momenti chiave del match da parte di Spanoulis e compagni. Il tanto lodato cinismo e la consueta durezza mentale che da sempre contraddistinguono l’Olympiacos  sono venuti meno in queste due settimane. A livello di singoli nota a margine la merita Hackett, migliore fra i suoi, che ha chiuso il match con 14 punti in 19 minuti di gioco.

Note di demerito:

-al Brose Bamberg che dopo aver subito un pesante 30-11 di parziale nel secondo quarto non riesce a rientrare in partita con il 91-70 finale che sorride al CSKA. Per Niccolò Melli 10 punti 3 rimbalzi e 4 assist;

-allo Zalgiris che viene spazzato via dal Khimki per un passivo finale che recita -31 (111-80);

-al peggior Lokomotiv Kuban di stagione che cade in quel di Belgrado contro la Stella Rossa 80-66;

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.