Semifinali Adecco Gold:Capo d’Orlando supera Verona e si porta sul 2-0

Home

L’orlandina fa sua anche gara 2 giocando una gran partita soprattutto nella metà campo difensiva. Gli uomini di coach Ramagli sono sembrati molto provati dalla terza partita in appena cinque giorni. Ecco la cronaca della gara:

Gianmarco Pozzecco, coach di Capo d'Orlando
Gianmarco Pozzecco, coach di Capo d’Orlando

Il primo quarto si apre con un Nicevic ispiratissimo che segna subito col suo letale jumper dopo un pick&pop con Mays. Dal lato opposto Gandini con un buon movimento sul piede perno segna il pareggio,ma Nicevic risponde subito  con un move di potenza sotto le plance (6-2). Verona trova il -2 con due liberi realizzati da Taylor e,dopo una buonissima difesa,arriva anche il 6-6 firmato ancora dal nativo di Washington. Il colored è ispirato e segna il primo vantaggio di Verona (6-8),Capo d’Orlando reagisce e piazza due bombe con Archie e Portannese per il 12-8 orlandina. Gli uomini di coach Ramagli si affidano ancora a Taylor per il -2 (12-10) e l’orlandina fa lo stesso con Archie che realizza il nuovo +4. Gandini danzando ancora sul perno segna il 14-12,ma Nicevic ricaccia i veronesi a 4 punti di distanza. Taylor torna a muovere il suo tabellino realizzando un tiro libero (16-13) e dal lato opposto Mays “sgancia” una gran bomba per il 19-13. Laquintana chiude la prima frazione con una scorribanda che vale il 21-13 orlandina dopo i primi 10 minuti di gioco.

 
La seconda frazione vede Capo d’orlando scappare sul +10 con un layup di Valenti e Verona inizia a ad avere qualche problema a trovare la via del  canestro. Si resta inchiodati sul 23-13 per 2 minuti abbondanti e solo una bomba ignorantissima del Baso sblocca il punteggio per il +13 (26-13). Ramagli è chiaramente insoddisfatto dei suoi e chiama timeout. Da Ros rompe il digiuno di Verona con un canestro dal centro dell’area (26-15),ma Basile è caldissimo e segna dalla linea dei 6,75 il massimo vantaggio orlandina (29-15). Verona è un po’ troppo allegra nella metà campo difensiva e subisce un canestro facile da Mays (31-16). La scalingera è bloccata ad appena 3 punti realizzati nel secondo quarto e solo un libero messoa a segno da Gandini aiuta a sbloccare lo score per il 31-17. Ramagli chiama un secondo timeout,ma il risultato non cambia: palla persa in attacco e bomba subita da Soragna (31-17). Verona sembra tramortita e l’orlandina vola sul 40-18 che chiude la seconda frazione.Da sottolineare come nel secondo quarto Capo d’orlando abbia piazzato un break di 19-5 grazie ad un grande lavoro nella metà campo difensiva.

 

2014-ATAY
Taylor,il migliore per Verona

Gli uomini di coach Ramagli alzano l’intensità in difesa e iniziano il terzo quarto con un break di 4-0 che vale il 40-22. Capo d’orlando risponde con un canestro di Archie (42-22),Verona si affida ancora a Taylor che segna 5 punti consecutivi per il 44-27. I contatti aumentano azione dopo azione e gli arbitri iniziano a fischiare molti falli. Callahan segna il 44-30 con una bomba centrale e il Poz chiama un timeout con Archie e Basile che non se le mandano a dire. Gandini segna una bomba per il -11 (44-33),ma Nicevic risponde con un tiro dalla media per il 46-33. Verona alza le percentuali da 3 con  Smith per il -10 e Mays è costretto ad inventare con un grande step-back dai 6,75 (49-36). La partita inizia ad accendersi e si segna da entrambi i lati. Capo d’orlando comincia a segnare a ripetizione dalla lunga distanza e vola nuovamente sul +19 (57-38). Taylor e Smith si prendono la squadra sulle spalle e segnano 4 punti di fila per il 57-42. Carraretto dà una mano con una bomba (58-45),ma Archie risponde con un comodo appoggio al vetro. Un gioco a due fra Reati e Gandini chiude il terzo quarto sul punteggio di 60-47.

 
Gli ultimi 10 sono pura formalità per Capo d’Orlando che gestisce agevolmente il vantaggio e chiude definitivamente la gara. Il risultato finale è di 75-59 e Verona adesso dovrà far valere il suo fattore campo per non abbandonare definitivamente la serie.

MVP:Valenti ha cambiato il volto della gara nel secondo quarto grazie alla sua intensità.12 punti,7 rimbalzi,3 recuperi e 2 stoppate in appena 18 minuti di gioco.

UPEA CAPO D’ORLANDO-TEZENIS VERONA 75-59(21-13;19-5;20-29;15-12)

Capo d’Orlando: Soragna 6, Nicevic 9, Portannese 6, Mays 8, Archie 14, Basile 16, Laquintana 2, Benevelli, Ciribeni n.e., Valenti 12.

Verona: Smith 3, Taylor 23, Boscagin 2, Callahan 4, Gandini 12, Grande, Reati 2, Carraretto 3, Salafia n.e., Da Ros 10.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.