Serie A, Playoff Gara-4: Pianella inespugnabile, Cantù pareggia!

Home

Cantù si aggiudica meritatamente il quarto episodio di questa bellissima serie di playoff al termine di una partita in cui è sempre stata al comando ma che ha rischiato di perdere sul filo di lana, complice una reazione tutto cuore dei sassaresi e in particolare di Bootsy Thorton.

Cantù ritrova Aradori dopo l’infortunio che l’ha tenuto fuori due gare, Meo Sacchetti decide di fare turn-over e a finire in panchina stavolta è Tony Easley in favore di Ignerski.

Un passaggio a vuoto, quello di Drake Diener, che è costato caro alla Dinamo
Un passaggio a vuoto, quello di Drake Diener, che è costato caro alla Dinamo

Nel primo quarto le danze le apre appunto Thorton- che inizialmente gioca da “libero difensivo” lasciando spazio sulla linea da tre a Brooks- con una tripla  e la Dinamo si porta avanti 2-7. Cantù piazza un 6-0 inaugurato da una tripla del “Cardinale” Nicolas Mazzarino e si porta avanti 8-7. Si arriva alla metà del quarto sul 13-13 e dopo due minuti a canestri bianchi i brianzoli piazzano un break di 8-0 chiuso da un canestro in contropiede di Smith.

Devecchi con una tripla sulla sirena evita il meno nove alla Dinamo e chiude il primo quarto 21-16. Tyus continua il suo dominio fisico(9 rimbalzi totali alla fine) sotto canestro e Ragland e Mazzarino scrivono presente con cinque punti a testa.

Il ritorno di Aradori ha dato grande fiducia ai compagni
Il ritorno di Aradori ha dato grande fiducia ai compagni

Nel secondo quarto troviamo i biancoblu sardi in balia di una Cantù che non fa altro che aggiornare il proprio massimo vantaggio: prima Ragland con una tripla, poi Cusin, Brooks, Tyus e ancora Brooks spingono sempre più sotto i sassaresi. Tabu mette il sigillo ad una frazione dominata con una tripla allo scadere del tempo: 43-27 Cantù alla fine del primo tempo.

 

Travis Diener vorrà sicuramente riscattare in Gara-5 la prestazione non brillantissima di stasera
Travis Diener vorrà sicuramente riscattare in Gara-5 la prestazione non brillantissima di stasera

Il secondo tempo è aperto con un canestro di Leunen che dà il +18 ai canturini, ma è a questo punto che inizia la rimonta sarda ancora una volta grazie alla difesa a zona: Gordon- che però commette un’ingenuità spintonando Aradori che furbescamente e con esperienza accentua la caduta- riesce finalmente a dare il suo contributo anche in fase offensiva(anche per lui 9 rimbalzi) e segna un canestro dopo l’altro; due triple- prima di Becirovic e poi Brian Sacchetti- portano la Dinamo sotto la doppia cifra si svantaggio(53-45) e lo stesso Brian porta a meno sei la propria squadra. Si sussegue un botta e risposta di canestri(57-51) prima dell’ennesima tripla allo scadere di una frazione di gioco: stavolta è un gioiello di Aradori. 60-51 per Cantù.

Ragland esulta dopo aver deciso la partita con tre triple consecutive
Ragland esulta dopo aver deciso la partita con tre triple consecutive

 

Nell’ultimo periodo di gioco la partita prosegue con lo stesso copione: Cantù- stavolta con Tyus e Ragland- che riporta in vantaggio e Sassari che prova ricucire. Ma sul 74-68 Joe Ragland si infiamma: piazza tra triple consecutive per il punteggio di 80-62. Time Out Sacchetti. Dopo il minuto succede l’impensabile la partita sembra quasi cadere nel caos con la Dinamo guidata dalla grinta di Thorton che esegue un asfissiante pressing a tutto campo quasi esegue la rimonta più incredibile dei Playoff- propiziata da qualche errore di troppo ai liberi dei brianzoli- con un parziale di 12-2 chiuso da una tripla di Drew Gordon che lascia poco più di tre secondi sul tabellone. E qui per poco Cantù non butta la partita: Thorton ruba palla sulla rimessa e lascia partire un disperato tiro da centrocampo che sbatte sul tabellone, tocca il ferro ed infine esce. Cantù ha paura ma esce comunque vittoriosa 82-80. Si arriverà almeno a gara 6 e ora si torna in terra sarda. Altra buona prestazione di Stefano Mancinelli e altra vittoria Cantù contro Sassari, proprio come al ritorno in regular Season. Solo una coincidenza? Alla Dinamo viene invece a mancare Drake Diener che per la prima volta in stagione non va in doppia cifra(solo 6 punti), meglio T-Diener con 8 punti e 9 assist.

Cantù:  Abass ne, Scekic 2, Smith 2, Leunen 5, Mazzarino 5, Brooks 7, Tyus 16, Tabu 5, Ragland 23, Aradori 11, Cusin 2, Mancinelli 4

Sassari: Becirovic 19, Devecchi 3, Thornton 16, Diener T. 8, Sacchetti 9, Diener D. 6, Vanuzzo 0, Pinton ne, Gordon 13, Ignerski 6

Arbitri: Lamonica, Seghetti, Aronne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.