Serie A BEKO, 14° Giornata: Avellino trova un Cavaliero freddissimo nel finale, Sutor battuta

Home

Bergamino2-1

Sidigas Scandone Avellino – Sutor Montegranaro

(24-22; 53-40; 74-64)

Il quattordicesimo turno mette di fronte la Sidigas Avellino e la Sutor Montegranaro, due squadre che galleggiano nella zona medio-bassa della classifica e a quota, rispettivamente, 12 e 8 punti. In particolare la Sutor avrebbe bisogno di un successo per allontanarsi dalla zona retrocessione, dove Pesaro e Cremona sembrano ormai impantanate. Vitucci propone per i campani un quintetto composto da Lakovic, Cavaliero, Thomas, Richardson e Ivanov. Recalcati risponde con Cinciarini, Sakic, Mayo, Mitrovic e Skeen.

I Quarto

Partenza lampo della Sutor, che si porta sullo 0-8 con due triple per Cinciarini e Mitrovic e il canestro di Skeen. Thomas avvia la reazione di Avellino, segna i primi 6 punti dei campani riducendo lo scarto, anche se Mayo ristabilisce il +6 (6-12). Ivanov e Lakovic impattano a quota 12 con due tiri da dietro l’arco, Skeen risponde allo stesso modo, ma Richardson con due canestri consecutivi porta Avellino avanti per la prima volta sul 16-15. Lakovic è caldissimo e scarica altre due triple su Montegranaro, portando il vantaggio della Sidigas a +7 (22-15). Il primo periodo viene chiuso dal canestro di Skeen e dalla tripla di Mayo, che riportano a contatto gli ospiti sul 24-22.

II Quarto

Dopo un botta e risposta iniziale con protagonisti Ivanov e Cinciarini, Campani impatta a quota 28 e Lauwers porta a +3 la Sutor da dietro l’arco. Immediata arriva la risposta dalla distanza di Hayes e Cavaliero (34-31), è solo l’inizio di un parziale di 18-0 che lancia in fuga la Scandone. Mitrovic da tre punti prova a porre fine all’emorragia, ma Spinelli e poi Ivanov mantengono Avellino oltre la doppia cifra di vantaggio fino all’intervallo, a cui si arriva sul punteggio di 53-40.

III Quarto

Dopo i canestri di Sakic e Thomas, Mitrovic riporta Montegranaro a -10 e successivamente a -9 con due bombe. Ivanov e Cavaliero mantengono Avellino in controllo finchè Skeen, ancora da dietro l’arco, non segna il -8. Richardson risponde subito dalla distanza e successivamente con una schiacciata, Mayo segna da tre punti e fa -10 di nuovo (68-58), è l’inizio di un parziale di 7-0 che riporta a contatto la Sutor (68-62). Ci pensa Richardson a dare respiro ad Avellino con altri 5 punti consecutivi (73-62), con il terzo quarto che si chiude con il canestro di Cavaliero per ristabilire il +10 sul 74-64.

IV Quarto

La Sutor dà battaglia nell’ultimo quarto, Mazzola e Cinciarini la riportano a -6 (74-68), Richardson e Ivanov ristabiliscono il +10, ma successivamente due triple di Cinciarini e Mayo fanno 78-74. La partita è apertissima, Spinelli converte un gioco da tre punti per il +7 in favore di Avellino. Cinciarini segna 5 punti di seguito e scrive il -4 (85-81), Dean risponde, ma ancora il Cincia riporta sotto la Sutor. Cavaliero freddissimo da tre punti ristabilisce il +10 con due canestri (93-87). Ancora Cavaliero e Dean da tre punti, nonostante la tripla di Mitrovic, guidano Avellino verso la vittoria (99-90) quando mancano meno di 2 minuti alla sirena. Da qui è ordinaria amministrazione, con Cavaliero e Lakovic che sanciscono la vittoria dei campani per 103-92.

MVP: Daniele Cavaliero, segna 18 punti, non è il top scorer di Avellino, ma nel finale è caldissimo e decisivo. Mette a segno tre triple consecutive importantissime, se la Scandone ce l’ha fatto è soprattutto merito suo.

Peggiore in campo: Zeliko Sakic, in 22 minuti produce solo 4 punti con 1/5 da due e 0/1 da tre.

Sidigas Scandone Avellino: Thomas 8, Lakovic 11, Dean 14, Ivanov 16, Cavaliero 18, Biligha, Spinelli 11, Spera NE, Dragovic NE, Morgillo NE, Hayes 5, Richardson 20.

Sutor Montegranaro: Mitrovic 15, Mazzola 8, Mayo 17, Skeen 18, Cinciarini 25, Lauwers 3, Rossi NE, Tessitore, Campani 2, Sakic 4.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.