Serie A Beko, 19°giornata: Cantù regola Roma e si porta a quota 26

Home

Acqua Vitasnella Cantù-Virtus Acea Roma 83-80

Aradori, assoluto MVP del match (it.eurosport.yahoo.com)
Aradori, assoluto MVP del match (it.eurosport.yahoo.com)

Al Pianella andava in scena un match tra due squadre che alle Final8 di Milano hanno subito l’eliminazione al primo turno. I padroni di casa dell’Acqua Vitasnella Cantù sono stati eliminati a sorpresa dalla Grissin Bon Reggio Emilia e i capitolini della Virtus Roma, si sono arresi ala Montepaschi Siena.
I quintetti:

Acqua Vitasnella Cantù: Ragland-Jenkins-Aradori-Leunen-Cusin

Acea Virtus Roma: Goss-D’Ercole-Hosley-Jones-Mbakwe

I quarto

Il match si apre con una tripla del solito Pietro Aradori, ma Bobby Jones e Goss regalano subito a Roma il primo vantaggio della serata (5-6). I lombardi non ci stanno e tentano di prendere il largo portandosi sul +8 (16-8), grazie a un super Leunen. Roma tenta di rifarsi sotto, ma Aradori e Gentile rispediscono immediatamente indietro la compagine capitolina. Il quarto si chiude con una tripla di  Szewczykche chiude il periodo sul punteggio di 23-17.

II quarto

Il primo canestro del quarto lo realizza Uter che riporta Cantù sopra di 8. Roma però non vuole lasciar fuggire la squadra di coach Sacripanti e rimane semore aggrappata al match. Nei primi minuti del quarto nessuna delle squadre decide di prendere in mano le redini della partita senza costruire parziali interessanti. Roma con due liberi di Hosley si riporta sotto solo di 4 lunghezze (39-35) e con una schiacciata del solito Mbakwe Roma torna definitivamente in partita (39-37). Nell’ultimo minuto del secondo quarto si vede solo un canestro, una tripla di Roberto Rullo, che regala a Cantù il +5 (45-40).

III quarto

Goss con una tripla riporta Roma sul -2, ma Cusin sblocca Cantù e al 21′ è 47-43. Roma con Mbakwe si porta sul 50-47 e da qual momento si spengono le luci per la squadra di coach Dalmonte. Cantù con un parziale di 14-2 (con Leunen e Aradori sugli sucdi), si porta sul +15 e chiude virtualmente il match. Baron, unico giocatore positivo di Roma nel terzo quarto, prova a far rimanere Roma in partita. Al 30′ Cantù è avanti 68-59.

IV quarto

Le triple di Baron e Szewczykportano incredibilmente Roma sul -3, ma Cantù grazie a Jenkins si riporta sul + 7 (72-65). Sono ancora Szewczyk e Baron con due triple a riportare Roma in partita, stavolta sotto di un solo punto. Al 34′ il tabellone del Pianella dice 72-71 Cantù e partita completamente riaperta.
Con Cantù avanti di 4 viene fischiato un fallo tecnico alla panchina, Baron converte i liberi del -2, ma Szewczyk perde palla. Cantù non ne approfitta e la rimonta romana viene completata dalla schiacciata dell’ex Sassari, Hosley.
I lombradi, come già successo nel secondo quarto, sfruttano un momento di blackout della squadra capitolina e realizzano un parziale di 8-0. Roma tenta di rientrare in partita, ma Cantù, anche grazie agli errori dalla lunetta di Phil Gos, riesce a portare a casa due importantissimi punti in chiave playoff.

Tabellini:
Acqua Vitasnella Cantù: Abass NE, Jones NE, Uter 6, Rullo 8, Leunen 12, Jenkins 7, Marconato NE, Ragland 16, Aradori 25, Cusin 4, Gentile 5


Acea Virtus Roma: Goss 22, Jones 9, D’Ercole 0, Tonolli NE, Righetti NE, Hosley 9, Finamore NE, Baron 20,  Szewczyk 10, Moraschini 4, 
Mbakwe 6

MVP: Pietro Aradori. Per il giocatore bresciano 25 punti, frutto di un meraviglioso 6/6 da 2 e  3/5 da 3 , a cui vanno aggiunti anche 2 assist e 5 rimbalzi. Lo squalo è tornato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.