Serie A BEKO, 20° Giornata: super Gentile, Cantù supera Avellino con un grande secondo quarto

Home

MG_8899-620x350

Sidigas Scandone Avellio – Acqua Vitasnella Cantù 59-77

(17-19 ; 30-46 ; 51-62)

La ventesima giornata di Serie A vede la Scandone Avellino ospitare Cantù, reduce dalla vittoria in Eurocup, che però non è servita ad evitare l’eliminazione a causa di un blackout nell’ultimo minuto di gioco. Vitucci propone un quintetto formato da Lakovic, Cavaliero, Thomas, Hayes e Ivanov; Sacripanti risponde con Jenkins, Ragland, Aradori, Leunen e Cusin.

I Quarto

La prima palla della partita è per Avellino, ma Ivanov sbaglia la tripla e sul ribaltamento di fronte Ragland da dietro l’arco inaugura il match, dando il via a un iniziale parziale di 0-7 di Cantù che costringe Vitucci a chiamare subito timeout. Avellino riesce a rientrare immediatamente a -2 con Ivanov (7-9), il bulgaro pareggia poco dopo e Hayes da tre firma il primo vantaggio dei campani (12-9). Cantù è costretta ad inseguire, Aradori e Uter segnano due triple che la riportano sul 15-15, lo stesso Uter dalla lunetta fa 15-16. Dopo il nuovo vantaggio della Scandone con Hayes, è Stefano Gentile a iscriversi alla partita con la tripla che chiude il quarto sul 17-19 in favore degli ospiti.

II Quarto

Michael Jenkins è caldissimo nel secondo periodo, lo apre con un personale parziale di 8-0 che comprende due triple per lanciare Cantù sul +10 (17-27). Thomas prova a tenere viva Avellino, ma è Gentile a prenderla in mano, segnando 10 punti consecutivi con due triple per lanciare i brianzoli sul 24-37. Aradori e Ragland chiudono la seconda frazione con i punti del 30-46 con cui si rientra negli spogliatoi.

III Quarto

Un canestro di Thomas e tre liberi di Lakovic riportano sotto la doppia cifra di svantaggio Avellino nel terzo periodo, Leunen risponde da tre, ma Thomas è on fire e realizza due schiacciate consecutive infiammando il palazzetto. Cavaliero trova il canestro del -8 (41-49), Sacripanti decide di chiamare timeout e al rientro sul parquet Jenkins trova subito i punti del +10. Leunen fa +13, Gentile riesce a conservare un ampio vantaggio e il terzo periodo si chiude con l’Acqua vitasnella avanti 50-62.

IV Quarto

Gentile apre l’ultimo quarto con 5 punti senza risposta che lanciano Cantù sul +17 (50-67). Gli ospiti si limitano ad amministrare grazie all’ottima prova di Pietro Aradori, Ragland dalla lunetta trova il +20 (55-75) e poi realizza il +22. Il giovane Biligha con due canestri chiude il match, rendendo meno amara la sconfitta di Avellino. Il risultato finale è 59-77 in favore di Cantù.

MVP: Stefano Gentile, spacca in due la partita nel secondo quarto e contribuisce all’allungo nel terzo. Chiude con 24 punti, 6/7 da due, 4/5 da tre.

Peggiore in campo: Daniele Cavaliero, in 32 minuti segna 7 punti e non vede il canestro dalla distanza, emblematico lo 0/6 da dietro l’arco.

Sidigas Scandone Avellino: Ivanov 11, Ianuale, Biligha 4, Lakovic 9, Foster, Thomas 14, Cavaliero 7, Morgillo, Dragovic 4, Hayes 8, Spinelli 2.

Acqua Vitasnella Cantù: Cusin 2, Ragland 12, Abass, Aradori 13, Gentile 24, Uter 5, Jenkins 12, Marconato, Rullo, Jones, Leunen 9.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.