Serie A BEKO, 21a Giornata: Roma rovina la festa per Danilovic imponendosi all’overtime

Home

 

VIRTUS BOLOGNA – VIRTUS ROMA 85-89

Il match clou della 21a Giornata va in scena a Bologna dove le V nere affrontano l’Acea Roma nel consueto derby delle Virtus. La partita è solo l’evento che fa da cornice al vero spettacolo odierno: il ritiro della maglia numero 5 di Pedrag (ma per tutti “Sasha”) Danilovic. Inutile parlare di quanto sia stato grande lo Zar nei suoi anni virtussini, probabilmente tra i migliori 3 che abbiano mai vestito la maglia bolognese, ma è giusto ricordare l’episodio più famoso legato al giocatore da Sarajevo: Finale Scudetto 1998, Virtus Bologna vs Fortitudo Bologna: 16 secondi alla fine, palla a Danilovic che segna da 3 punti subendo il fallo di Dominique Wilkins, si esatto, quel Dominique che ha dominato oltre oceano nella NBA. Libero convertito e partita ai supplementari. Inutile dire come sia andata a finire. Sasha domina il supplementare e conquista il titolo. danilovic

“Sono onorato di essere qui per il ritiro della maglia, che è la cosa più bella per un giocatore. Quando vengo qui mi sento a casa, ci sono belle emozioni”.

Grazie Sasha.

Quintetti:

Virtus Bologna: Hardy, Ware, Fontecchio, Motum, Ebi
Virtus Roma: Goss, D’Ercole, Hosley, Jones, Mbakwe

I Quarto: Primo quarto che viaggia sui binari dell’equilibrio: nei primi 5 minuti sono Motum e Jones che fanno la voce grossa firmando rispettivamente 5 e 7 punti. Nella seconda metà sono le i play a dettare il ritmo con Hardy e Goss che si scambiano canestri ad ogni azione finendo con 9 e 7 punti a testa. Nell’ultimo minuto Roma allunga leggermente con Baron e Szewczyk chiudendo sul 18-22.

II Quarto: Jones apre la seconda frazione ma Bologna pareggia sul 24-24 grazie a 4 punti in fila di King. Bobby Jones è in serata e conduce Roma ad un 9-0 di parziale in cui partecipano anche Mbakwe e Hosley. Walsh riporta i suoi sul -4 prima che Hosley e Goss firmino il nuovo +9. L’ultimo tiro è ancora per Walsh che non fallisce dai 6.75 e porta le squadre all’intervallo sul 34-40.

III Quarto: Parte di nuovo bene Bologna che si porta sul -2 con Motum e Ware ma la tripla del neo romano Mayo apre il nuovo parziale di 9-0 chiuso dalla tripla di Walsh. Roma continua a giocare bene in attacco e le triple di Szewczyk e Baron la portano fino al +14 con 3 minuti da giocare. Bologna non ci sta e guidata da un grande Hardy in cabina di regia si riporta sotto la doppia cifra con la tripla di Gaddefors che chiude il terzo quarto sul 56-63.

IV Quarto: Altra ottima partenza di quarto di Bologna che in 4 minuti ritrova la parità con Motum ed Ebi che mette la tripla del 65 pari. Stavolta è Roma a reagire riportandosi sul +6 con 2 minuti da giocare grazie ai canestri di Mbakwe, Goss e Hosley. Ancora Ebi guida l’ennesima rimonta di Bologna che trova anche il sorpasso con il canestro di Hardy ed i liberi di Ebi. Jones resuscita dopo un grande primo tempo e firma la parità su assist di Mayo. Ware perde palla e Dalmonte chiama timeout per organizzare l’ultimo tiro. Mayo perde a sua volta il pallone ma la tripla di Walsh non trova il canestro. È Overtime! 07 Overtime: Mayo e Hosley portano subito Roma sul +3 ma stavolta non c’è reazione per Bologna. Hardy e Ebi perdono due sanguinosi palloni che permettono a Goss e Jones di portare Roma sul +7. Iniziano i falli sistematici ma Roma gestisce bene il vantaggio e chiude vincitrice sul 85-89. Altra, ennesima delusione per la Virtus la cui stagione è ormai dedicata al raggiungimento della salvezza. I tempi d’oro di Danilovic & co sono solo un ricordo.

Tabellini:           

Virtus Bologna: Gaddefors 9, Hardy 19, Morisi N.E, Motum 13, Fontecchio, Guazzaloca N.E, Negri N.E,  Gazzotti N.E, Ware 4, King 6, Walsh 17, Ebi 17. Coach Valli

Virtus Roma: Goss 15, Jones 23, Tonolli N.E, Righetti N.E, D’Ercole, Hosley 17, Mayo 10, Finamore N.E, Baron 7, Szewczyk 10, Moraschini, Mbakwe 7. Coach Dalmonte

Parziali: 18-22; 16-18; 22-23; 17-10; 12-16
Cumulativi: 18-22; 34-40; 56-63; 73-73; 85-89

MVP: Bobby Jones (Virtus Roma) Grande partita dell’ala americana che risponde da vero campione all’aggressione subita venerdì sera a Roma.  

LVP: Casper Ware (Virtus Bologna) 4 punti in 38 minuti sono troppo pochi per un giocatore come lui. Le 6 palle perse sottolineano la sua giornata no.  

 

Lorenzo Simonazzi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.