Serie A BEKO, Giornata 14: Milano è più spietata e incisiva, Sassari non regge e perde a domicilio

Home

Dinamo Banco di Sardegna Sassari-EA7 Olimpia Milano 69-75

(20-18, 37-39, 56-58, 69-75)

I Quarto

La fantastica sfida che ci offre oggi il campionato di Serie A vede di fronte Sassari e Milano, due corazzate del campionato e gettonatissime per la vittoria finale. La palla a due premia Milano, che decide di premere subito sull’acceleratore e confeziona uno 0-4 tutto a tinte azzurre con Hackett e Gentile. Linton Johnson segna i primi due punti per i bianco-blu, ma la Dinamo si ritrova ancora più indietro dopo un altro mini-break milanese(2-8). A questo punto Caleb Green suona la riscossa con un siluro da oltre l’arco da tre punti. Nel giro un minuto e mezzo i padroni di casa ribaltano il risultato con un 9-0 e si trovano sopra 11-8. Protagonista Omar Thomas con 5 punti consecutivi. La giostra dei contro parziali non si ferma qui, le squadre in campo danno spettacolo: le scarpette rosse imbastiscono uno 0-6(11-14). Da qui in poi continuano i sorpassi, ma mai oltre i due punti di distanza. Sul finire di quarto l’Armani è avanti 17-18, Drake Diener vuole chiudere il quarto avanti e piazza il tiro dalla lunga distanza. Dall’altra parte il tiro di Gentile non entra: fonosce 20-18.

Un fantastico Langford ha guidato le scarpette rosse alla vittoria
Un fantastico Langford ha guidato le scarpette rosse alla vittoria

II Quarto

Dopo un primo quarto scoppiettante, in cui le due squadre si sono sostanzialmente equivalse, inizia la seconda frazione. Sempre a ritmi altissimi e con difese pronte a non risparmiare un colpo agli attaccanti avversari. Con la schiacciata in transizione di Melli i meneghini tornano in vantaggio(20-22) per la prima volta dal 7′ della prima frazione. La Dinamo opera il soprasso poco dopo con un delizioso tiro a tabella di Drake Diener(24-23), ma è di nuovo l’ex-Reggio Emilia a portare avanti le scarpette rosse. Stavolta con una tripla. La risposta sarda è però istantanea e dello stesso peso: a colpire da oltre l’arco è Brian Sacchetti(27-26), al quinto punto della sua partita. A 3’42” dall’intervallo una bomba di Drake Diener(34-32) regala il nuovo sorpasso alla Dinamo in questa partita da otto-volante. Milano non ci sta e reagisce con un breal di 0-7 ad opera della super-coppia Langford-Hackett(34-39). La Dinamo sembra costretta ad andare a riposo con un passivo superiore a due possessi ma una strepitosa tripla del solito Drake Diener scrive il 37-39 sulla sirena che annuncia il quarto d’ora di pausa.

 

III Quarto

Secondo tempo inaugurato da un errore al tiro di Milano che permette così il contropiede alla Dinamo, concluso da Caleb Green che si prende canestro e fallo. Milano sembra uscita dagli spogliatoi un po’ sottotono e concede diversi possessi alla Dinamo, sbagliando inoltre molti tiri. Infatti per la Dinamo segnano Johnson e nuovamente Caleb Green dalla lunetta(44-41). Verso il minuto 3’30” Milano dà l’impressione di essere decisamente in crescita, soprattutto a rimbalzo recuperando diverse carambole in attacco. Dopo una bellissima azione in cui risponde all’ottima difesa sarda con una deliziosa circolazione di palla, la squadra meneghina va a segno con Langford. Dall’altro lato del campo risponde Caleb Green(49-45) con una tripla. L’ex-Orleans è all’ottavo punto nel quarto. Anche il miglior marcatore del campionato scalda la mano da oltre l’arco(51-50), mentre in difesa Moss fa la voce grossa stoppando Linton Johnson e avviando il contropiede che manda nuovamente a punti Langford. Milano subito dopo recupera di nuovo palla e stavolta a segno va Hackett: più tre per gli ospiti sul 51-54. I padroni di casa corrono ai ripari prima con Caleb Green(53-54) e poi, dopo essere stati sotto di cinque punti(53-58), con una tripla di Brian Sacchetti arrivata a seguito di un ottima circolazione di palla. Sarà decisivo l’ultimo quarto con due soli punti a dividere le contendenti sul 56-58.

 

IV Quarto

Sfortunatamente l’ultima frazione è inaugurata da qualche errore al tiro da parte di entrambe le squadre. Dopo 1’30” inizia la grande frenesia della Dinamo: prima un gioco a due tra Devecchi e Drake Diener manda a segno da tre il ministro della difesa sassarese, poi arriva guizzo geniale di Travis Diener che intercetta il passaggio di Alessandro Gentile per poi consegnare il pallone al cugino che con una tabellata va a segno da tre. 62-58 Dinamo con più di sette minuti sul cronometro e Banchi costretto al time-out. Questa è però una partita troppo combattuta perché una delle due squadre prenda il totale sopravvento e infatti Milano difende bene, porta la Dinamo all’errore e impatta a quota 62 con mini-break di 0-4. Travis Diener non sembra lucidissimo e Sacchetti gli fa subentrare Marques Green. E’ proprio il folletto che prende l’iniziativa provando il tiro da tre, ma il ferro non è generoso e sputa la conlusione. Milano ne approfitta e piazza uno 0-5 con Langford e Wallace(62-67). Per la Dinamo in questo momento la discriminante è la testardaggine nel voler colpire da tre senza però riuscirci. Mentre Milano è spietata e lucidissima nelle scelte di tiro. Come a smentire questa affermazione la Dinamo risponde con un 4-0 e una difesa fortissima(66-67). Da qui è una giostra di emozioni: Milano risponde al parziale riportandosi a più cinque, Caleb Green segna invece una strepitosa tripla dall’angolo(69-71). Wallace segna il più quattro Emporio Armani con un tap-in(69-73) con meno di quaranta secondi sul cronometro. I padroni di casa non riescono a segnare, Milano può giocare con il cronometro  e riesce a perdere parecchi secondi. Langford in lunetta fa 1/2, i sardi non arrivano nemmeno al canestro. CJ Wallace invece non sbaglia dalla lunetta e manda i titoli di coda sulla partita: finisce 69-75.

 

Migliore in Campo: Keith Langford, strepitosa partita quella del miglior marcatore del campionato. Per lui 24 punti con 8/9 al tiro da due punti;

Peggiore in Campo: I lunghi della Dinamo eccezion fatta per Caleb Green, questi ragazzi non possono concedere tutti quei rimbalzi offensivi: quello su Wallace lo chiamereste un “taglia fuori”?

Dinamo Banco di Sardegna Sassari

M. Green 2, C. Green 18, Sacchetti 8, D. Diener 18, Thomas 8, Fernandez n.e, Devecchi 5, T. Diener 2, Johnson 8, Vanuzzo 0, Tessitori n.e;

EA7 Olimpia Milano

Gentile 2, Gigli n.e, Cerella 0, Melli 16, Hackett 11, Kangur 0, Langford 24, Samuels n.e, Wallace 6, Lawal 6, Moss 10, Jerrells n.e;[banner network=”altervista” size=”300X250″]

Arbitri: Paternicò-Caiazza-Quarta;

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.