Serie A BEKO, “From Zero to Hero”, il Pagellone della Settimana #13

Home

cia_6136

Ultimo appuntamento del 2013 con il pagellone della nostra Serie A, per la 13° giornata questi sono stati i risultati, di seguito i voti:

Acqua Vitasnella Cantù – Sutor Montegranaro 89-78

Vanoli Cremona – Cimberio Varese 75-94

Pasta Reggia Caserta – Banco di Sardegna Sassari 57-82

Giorgio Tesi Group Pistoia – Acea Roma 76-85

Granarolo Bologna – VL Pesaro 75-65

EA7 Emporio Armani Milano – Sidigas Avellino 94-58

Enel Brindisi – Montepaschi Siena 71-67

Grissin Bon Reggio Emilia – Umana Venezia 93-73

 

VOTO 10 – alla Virtus Roma, che con una rincorsa incredibile agguanta il primo posto. Sono 6 i successi nelle ultime 7 gare per la squadra capitolina, con l’unico neo nella sconfitta contro Siena. Contro Pistoia, non un campo facile, arriva la conferma grazie a Jordan Taylor.

VOTO 9 – all’Enel Brindisi, che si conferma sorpresa del campionato vincendo anche contro la più quotata Mens Sana Siena. Un’altra grande prova davanti ai propri tifosi, come al solito palazzetto gremito, dei pugliesi, che dopo molte difficoltà nel finale hanno la meglio sui Campioni d’Italia conquistando il primo posto.

VOTO 8 – a Nicolò Melli, che gioca un’altra grande partita e dà continuità alle vittorie di Milano al Forum. Dopo i 19 punti e 12 rimbalzi contro Cremona, ecco i 16 punti, 9 rimbalzi e 3 stoppate contro Avellino. Milano supera facilmente i campani soprattutto grazie all’apporto dell’azzurro, che sembra finalmente poter convincere appieno.

VOTO 7 – a OD Anosike, che nonostante la sconfitta della sua Pesaro risulta il migliore della 13° Giornata: 23 punti, terzo miglior marcatore del turno, e 12 rimbalzi per un 42 di valutazione che lascia a bocca aperta. Pesaro non riesce a vincere, ma lo statunitense continua a sfornare ottime prestazioni.

VOTO 6 – alla Cimberio Varese che, dopo aver rimediato diverse figuracce in campionato ed Eurocup, sembra sulla via della redenzione: secondo successo consecutivo. L’avversario in questo caso era la Vanoli Cremona, non certo una montagna insormontabile, ma queste vittorie potrebbero far morale agli uomini di Frates in vista del nuovo anno.

VOTO 5 – alla Pasta Reggia Caserta, capace di espugnare Siena di 21 punti la settimana scorsa, ma anche di essere umiliata solo qualche giorno dopo in casa dalla Dinamo Sassari.

VOTO 4 – a Siena, che perde ancora, stavolta a Brindisi, dopo aver già ceduto nettamente in casa contro Caserta. La Mens Sana perde così il primato solitario in classifica e scivola a pari-merito con le altre quattro capoliste, sentendo il pressing di Milano ad appena 4 punti, non il modo migliore per chiudere il 2013. Rimanendo in argomento, tale voto è anche da dividere tra Green e Carter, entrambi in ombra nell’ultima uscita e autori di 9 punti in due contro Brindisi.

VOTO 3 – alla Scandone Avellino che viene umiliata al Forum dall’Olimpia Milano. La scusa è l’assenza di Lakovic, ma gli irpini non sono mai entrati in partita e hanno subìto una sconfitta molto pesante, dal prossimo turno serve un’immediata ripresa, anche perchè dopo il successo su Brindisi c’era ottimismo.

VOTO 2 – a Cremona e Pesaro, fanalini di coda di questa Serie A. Le due squadre non riescono a vincere e ormai il discorso salvezza sembra una loro esclusiva. Cremona perde in casa contro una Varese non al top, mentre Pesaro si blocca contro Bologna in trasferta, insuccesso tutto sommato giustificabile.

VOTO 1 – a Quinton Hosley, non per la sua prestazione, in cui produce comunque 20 punti, bensì per il finale in cui litiga con i tifosi di Pistoia.

VOTO 0 – ai tifosi della Virtus Bologna che hanno aggredito quelli di Pistoia, ferendo un poliziotto intervenuto per proteggere l’ordine pubblico. Episodi del genere fanno male allo sport e in questo caso al basket, che deve restare un gioco, che si vinca o che si perda.

[banner network=”altervista” size=”300X250″ align=”aligncenter”]

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.