Serie A, Day 10: Sassari schianta la Sutor

Home

La Dinamo continua a volare, mentre la Sutor aggiunge alla crisi di risultati anche quella di gioco, con una prestazione davvero incolore: questo il verdetto del parquet di Porto San Giorgio nell’anticipo della decima giornata di Serie A. Ai marchigiani è mancata anche la grinta e la determinazione, soprattutto nella prima parte di gara, quando si è decisa la partita; a questo si aggiunga che Collins e Cinciarini sono stati protagonisti di una prestazione sottotono e si capisce come fosse impossibile vincere. Sassari invece sembra aver trovato quella continuità e sicurezza nei propri mezzi che mancava ad inizio stagione: ora che c’è l’amalgama questa squadra può arrivare davvero lontano.

Drake Diener
Drake Diener

I PERIODO
Recalcati mischia le carte in avvio, lasciando a riposo le sue bocche da fuoco principali, Collins e Skeen, e mandando in campo Cinciarini, Lawers, Mayo, Sakic e Campani: Meo Sacchetti, che deve rinunciare a Travis Diener (due settimane di stop forzato) risponde con i due Green, Thomas, Johnson e Drake Diener.
L’avvio però non premia l’azzardo dell’ex coach della Nazionale, che dopo 2′ minuti è già sotto 2-10 grazie a Caleb Green e Thomas. La risposta marchigiana arriva da 7 punti nel pitturato firmati da Campani, ma Sassari domina la gara anche contro la zona della Sutor e vola sul +11 (7-18). Mazzola e Mitrovic piazzano un mini-break di 5-0, ma la difesa di Montegranaro manca della giusta determinazione per arginare il duo Green-Thomas. Nel finale Collins e Mayo riavvicinano i padroni di casa, ma Sacchetti colpisce dall’arco per il 22-28.

II PERIODO
Sassari si appoggia a Johnson sotto canestro e trova buoni dividendi, ma la riscossa della Sutor arriva con Skeen e Mayo, che riportano la loro squadra a -2 (31-33) e costringono coach Sacchetti al time-out. Al rientro si scatenano le bocche da fuoco sassaresi: due volte Bryan Sacchetti e una Drake Diener colpiscono dai tre punti in transizione ricacciando indietro Montegranaro. L’emorragia però non si ferma, perché i locali iniziano a forzare troppe conclusioni in 1 vs 1, pagando anche la serata negativa di Cinciarini e Mayo; Sassari non se lo fa ripetere e scappa via sul +15 all’intervallo (33-48).

dinamo-sassari-logoIII PERIODO
Al rientro la Sutor prova a compiere l’impresa e tira fuori l’orgoglio con le iniziative di Skeen e Collins, ma la Dinamo gira alla perfezione in attacco e trova sempre l’uomo libero, punendo ogni minimo errore della truppa di Recalcati. Dopo le triple di Diener e Vanuzzo, Mazzola si rende protagonista di buone giocate nel pitturato, ma al 3o’ il tabellone recita comunque 53-72.

IV PERIODO
Con la gara ormai in ghiaccio, la Sutor ha comunque il merito di non mollare e di giocare sempre con determinazione, evitando almeno l’imbarcata, soprattutto grazie alla grinta di Campani. Il pubblico del PalaSavelli, ancora una volta semivuoto, non apprezza comunque ed inizia ad abbandonare il palazzo già a 5′ dal termine: un segnale indicativo del momento di Montegranaro.

TABELLINI

Sutor Montegranaro: Cinciarini 2, Sakic 8, Mayo 16, Tessitore, Rossi, Lauwers 2, Campani 11, Mazzola 8, Mitrovic 5, Collins 7, Skeen 10.
Rim (34): Collins 8. Assist (14): Collins 4.
Banco di Sardegna Sassari: Green M. 6, Fernandez, Green C. 8, Devecchi 2, Johnson 10, Sacchetti 14, Diener 18, Vanuzzo 6, Tessitori 6, Thomas 18.
Rim (38): C. Green 7. Assist (23): M. Green 8.

Migliore in campo: Drake Diener. Nella ottima prova corale di Sassari, scegliamo di premiare il giocatore che è stato più continuo nell’arco della gara dal punto di vista realizzativo e che è l’uomo con maggior leadership all’interno della squadra. In numeri: 18 punti, 7 assist e 5/8 da dietro l’arco.

Peggiore in campo: Daniele Cinciarini. 2 punti e 1/13 dal campo,-16 di plus-minus e -8 di valutazione. La classica serata no, ma Montegranaro non può permettersi questo genere di prestazione da parte del suo playmaker, che dovrà assolutamente non ripetere la prova di questa sera.

[banner]

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.