Shaquille O’Neal racconta le 3 richieste che gli fece Phil Jackson al loro primo incontro

Home NBA News

Uno dei motivi alla base della fine della dinastia dei Chicago Bulls negli anni ’90 fu il fatto che coach Phil Jackson si separò dalla squadra dopo la stagione 1997-1998.
Qualunque cosa possa aver causato la partenza di Jackson, il fatto è che si è unito ai Los Angeles Lakers dove avrebbe continuato la sua tradizione vincente.

Quando Jackson arrivò a Los Angeles, una delle prime cose nella sua agenda era quella di fare una seduta con le sue stelle, e la leggenda dei Lakers, Shaquille O’Neal, ha raccontato come andarono le cose nel suo primo incontro con Jackson.

“Quando l’ho incontrato per la prima volta, ha detto: ‘Guarda, se mi ascolti, sarai l’MVP. Se mi ascolti, vincerai un campionato NBA’. E io dissi ‘Ottimo’. La prima richiesta che mi fece fu di non fare più shooting fotografici, limitare i miei spot pubblicitari e fare tutto quello che diceva. Io l’ho ascoltato e sono stati i miei migliori anni da giocatore NBA. Una volta che abbiamo trovato quella formula su come vincere, lo sete di vittoria era inesauribile”.

Phil Jackson è arrivato con un record eccezionale e Shaquille O’Neal – che era una delle più grandi star dell’NBA a quel tempo – era più che felice di sottomettersi alle richieste del suo nuovo allenatore.

Shaq, così come il resto dei Lakers, ha mantenuto la sua promessa a Jackson. Di conseguenza, hanno vinto tre titoli consecutivi nei tre anni seguenti.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.