Situazione Cantù, Recalcati: “Non era una sorpresa, la vedo dura”, Marzorati: “Calma, ragioniamo a lungo termine”

Home Serie A News

La Pallacanestro Cantù sta vivendo uno dei momenti più bui della sua storia, se non il più buio. Cantù è ufficialmente in vendita, Gerasimenko è pronto a cedere le proprie quote al migliore offerente, anche a titolo gratuito: ci sono tanti punti interrogativi legati alla questione canturina, si arriverà a fine stagione? quale sarà il futuro della Pallacanestro Cantù? Sulla questione sono intervenuti due grandi ex canturini, Carlo Recalcati e Pierluigi Marzorati, i due, intervistati da Alessandro Camagni de La Provincia di Como, portano pareri contrastanti riguardo alla delicata posizione in cui i bianco-blu si ritrovano.

Recalcati:

Tutto questo non è una sorpresa, forse troppa gente ha fatto finto di non vedere per tanto tempo, sono due anni che si va avanti tra luci e ombre, la vedo davvero difficile, anche la cessione delle quote a titolo gratuito mi sembra improbabile. La società ha costi e pendenze molto alte, mi sembra difficile anche poter finire la stagione. Poi ci sono i giocatori, se non vengono pagati loro sicuramente non avranno difficoltà a trovare una nuova sistemazione, ma c’è anche il rischio di bloccare il mercato, sinceramente la vedo dura.

Un po’ più ottimista invece Marzorati:

Innanzitutto credo che non ci sia il rischio di non finire la stagione, c’è la fidejussione e penso che si possa iniziare a programmare il futuro, quindi la prossima stagione. Poi non è detto che i problemi di Gerasimenko non si risolvano, per me bisogna aspettare ancora un po’ di giorni per vedere cosa succede, certo, dispiace enormemente vedere Cantù in questa situazione. Rimane importante stare calmi e ragionare a lungo termine.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.