Skyler Flatten, dal taglio della Virtus Roma all’approdo in NBA

Home NBA News

La vita è imprevedibile e può offrire subito la possibilità di rialzarsi dopo una delusione. Una massima che nel mondo del basket, con il suo mercato così “liquido” e sempre aperto, è ancor più vera.

L’ha provato sulla sua pelle Skyler Flatten, il rookie che quest’estate la Virtus Roma aveva ingaggiato nella speranza che potesse dare un contributo decisivo nella stagione del ritorno in Serie A. L’esperienza capitolina del prodotto di South Dakota, invece, è durata poco più di un mese: è arrivato il taglio a causa delle sue precarie condizioni fisiche. 

Se Roma si è consolata con l’arrivo di Buford, finora molto convincente, Flatten ha trovato un modo migliore per risollevarsi: la firma con un team della NBA. Sono stati i Miami Heat a dargli fiducia, annunciandolo insieme a Bubu Palo per sostituire i tagliati Jeremiah Martin e Mychal Mulder. Ovviamente l’accordo siglato dai due nuovi giocatori di Miami non è garantito ma si tratta di un decadale, durante il quale avranno la chance di giocarsi un posto nel roster della franchigia della Florida. Per entrambi però l’ipotesi più probabile è un two-way contract, un accordo che assegna i due giocatori alla squadra di G-League affiliata (i Sioux Falls Skyforce) con la possibilità di giocare alcuni incontri in NBA. Comunque niente male per uno che in Italia era stato scartato poche settimane fa.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.