Sontuosa partita di Brindisi che ferma la corsa di Cantù

Home Serie A Recap

HAPPY CASA BRINDISI – RED OCTOBER CANTU’ 76-59
(22-5, 19-28, 23-10, 12-16)

Una partita Test per entrambe le compagini: l’una proveniente da una striscia di 3 vittorie consecutive, l’altra che si misura con una squadra dai diversi obiettivi. Una gara che Brindisi approccia in modo giusto dal primo quarto costringendo gli avversari a soli 5 punti in dieci minuti. Diversi i momenti in cui la Red October si fa sotto ma tuttavia non riuscendo mai a superare la soglia dei 10 punti di svantaggio.

Avvio quanto meno anomalo per questo incontro tra Brindisi e Cantù. Devono, infatti, trascorrere 3 minuti di gioco perché il tabellone si possa sbloccare con un 1/2 ai liberi per Brown. Dopo pochi minuti, Mitchell è costretto a sedersi in panchina perché ha accumulato già 2 falli. I pugliesi rosicchiano dapprima con calma, poi a ritmi più sostenuti, il vantaggio sugli ospiti che, a parte una tripla del rientrato Mitchell, restano ancora a secco. A un minuto dal termine il punteggio dice 20-3. Avvio decisamente shock per Cantù che chiude il quarto
con soli 5 punti realizzati. Si riprende e ovviamente la Red October non poteva non migliorare le sue prestazioni anche se ancora fatica a trovare la quadratura. I ritmi sono alti e le difese sono aggressive e asfissianti da entrambi i fronti. A tripla di Gaynes risponde tripla di Chappell. La New Basket tiene ancora e si spinge sino al +22. Superata la metà della frazione le percentuali di Cantù aumentano, mentre cala l’intensità difensiva di Brindisi che consente agli avversari di iniziare a minare il cospicuo vantaggio accumulato; subendo anche un parziale di 0-7, i pugliesi si ritrovano a poco più di un minuto dalla fine con il vantaggio dimezzato 40-29. A 6 secondi dalla fine succede di tutto: su penetrazione di Jefferson l’arbitro fischia un fallo a Gaffney dalle connotazioni dubbie che fa andare su tutte le furie Vitucci che prende un tecnico e costa 4 punti in un amen ai suoi. Si chiude 43-33. Dopo la pausa lunga il terzo quarto dipende a ritmi serrati, Brindisi non ci sta a mollare e continua  a buttarsi su ogni pallone. Nonostante un Jefferson rinvigorito, i padroni di casa affondano tiro su tiro e recuperano il vantaggio accumulato nel primo tempo. Per lunghissimi minuti costringono Cantù sotto i 40 punti. Allo scadere siamo sul 66-43. Gli ultimi dieci minuti sembrano una replica del secondo quarto; Cantù parte agguerrita e fa 0-5 subito. Brindisi torna a calare leggermente al tiro e in difesa, con qualche disattenzione di troppo che gli costa il massimo vantaggio raggiunto finora. Gli ospiti tentano di riavvicinarsi e si spingono anche al -13, ma la New Basket sembra avere troppa fame di questa vittoria. Per un lungo periodo i padroni di casa sono costretti dagli avversi a fermarsi a 70 punti, non riuscendo a schiodare il risultato. La zampata finale la dà ancora una volta Brindisi che travolge una Cantù, si può dire mai in partita, per 76-59.

TABELLINI

BRINDISI: Banks 13, Rush 11, Gaffney 2, Zanelli 2, Orlandino ne, Moraschini 7, Clark 24, Cazzolato 0, Wojciechowski 3, Chappell 6, Taddeo 0, Brown 8.

CANTU’: Gaines 13, Mitchell 10, Blakes 4, Udanoh 5, Baparapè ne, Parrillo ne, Davis 2, Tassone 2, Pappalardo ne, Quaglia 0, Jefferson 23, Tavernari 0.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.