Steph Curry spiega il trash talking con LeBron James in gara 1

Home NBA News

Se si pensa alle ultime quattro stagioni NBA, o meglio alle ultime quattro edizioni delle NBA Finals, è difficile non parlare di LeBron James e Stephen Curry, due dei protagonisti della prima tetralogia della storia dell’ultimo atto della stagione NBA. Sono numerosi i momenti memorabili che i due nativi di Akron hanno vissuto in prima persona. Ed a questi, nelle ultime ore, si è aggiunto il faccia a faccia verificatosi nella prima partita dell’ultima edizione delle NBA Finals (quella vinta dagli Warriors 124-114, ndr). Questa è la scena in questione:


La stella dei Golden State Warriors, tramite il The Bill Simmons Podcast, ha chiarito la situazione: “Quello è stato sicuramente un momento interessante: ero caldo perché stavo cercando di realizzare un layup, non l’ho visto (si riferisce a LeBron, ndr) arrivare dal lato debole e quindi il mio tiro non è stato impeccabile. Dopo aver intercettato il pallone, mi ha guardato e mi ha detto qualcosa ed io ho pensato: “davvero stiamo per vincere la partita, e tu pensi a fare trash talking dopo una stoppata?”. Così, dopo la confusione alimentata da Tristan Thompson e Draymond Green, glielo sono andato a chiedere e lui mi ha detto che doveva farlo per assicurarsi del fatto di essere visto come un mentore dai suoi compagni ed io ero tipo “non voglio essere l’agnello sacrificale” (ride, ndr).” Tuttavia, il figlio di Dell ha voluto sottolineare l’esistenza di un rispetto reciproco, che poi si trasforma, come normale che sia, in qualcos’altro sul parquet.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.