Stephen Curry: “Questi Bucks mi ricordano i nostri Warriors di quattro anni fa”

Home NBA News

I Milwaukee Bucks sono sicuramente una delle migliori squadre NBA di questo primo mese di stagione regolare: sono attualmente secondi a Est con un record di 9-2, ed hanno battuto due notti fa i Golden State Warriors (privi di Draymond Green e, in parte, di Curry) alla Oracle Arena per 111-134.

Nonostante sia ancora presto per fare previsioni, con la nuova guida di coach Mike Budenholzer i Bucks sono tutta un’altra squadra rispetto a quella che un anno fa faticava e veniva eliminata al primo turno di Playoffs da Boston. Lo ha confermato anche Kris Middleton, da anni il leader della franchigia insieme a Giannis Antetokounmpo: “Penso che le altre squadre si stiano iniziando ad accorgere che non siamo gli stessi Bucks di quando sono arrivato qui sei anni fa. Siamo una squadra totalmente differente rispetto al solo anno scorso”.

Ma l’investitura più importante è arrivata da Stephen Curry, che dopo la gara persa ha paragonato questi Bucks agli Warriors della stagione 2014-15: anche quella squadra aveva appena cambiato guida tecnica, da Mark Jackson a Steve Kerr, e in quella stagione vinse il primo dei tre anelli delle ultime quattro annate.

Credo che la loro situazione sia molto simile alla nostra di quattro anni fa. Un cambio di scenario a volte aiuta. Ricevi un po’ di energia extra, hai un po’ più di concentrazione e prospettiva, e queste piccole differenze possono sbloccare qualcosa. E’ ancora presto, ma si stanno occupando delle cose come dovrebbero. E’ importante, quando hai così tanto potenziale, iniziare bene la stagione, anche se poi andrà come deve andare.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.