Steve Kerr propone un faccia a faccia tra giocatori degli Warriors e i troll di Twitter

Home NBA News

Steve Kerr, head coach dei Golden State Warriors, vorrebbe organizzare un incontro tra i giocatori della NBA e i loro rispettivi detrattori sui social media, specialmente Twitter.

L’allenatore dei Dubs ha lanciato l’idea su un nuovo libro “The Victory Machine” che parla dell’ascesa della dinastia degli Warriors e della loro “caduta” con la partenza di Kevin Durant durante la free agency del 2019. In esso, Kerr ha proposto di rintracciare ogni hater e metterli faccia a faccia con il giocatore che hanno insultato.

“Vorrei mettere faccia a faccia con i giocatori tutti quelli che li hanno insultati nel corso degli anni su Twitter. ‘Kevin, questo è Joe della Portola Valley. Joe ha detto che eri un perdente. Ora guardalo. Guardalo attentamente. Ti interessa davvero quello che pensa?’ “.

Potrebbe sembrare un atto meschino da parte dell’allenatore degli Warriors ma sostiene che c’è un lato pragmatico in questo modus operandi.

“Il rovescio della medaglia è che Joe sarebbe completamente imbarazzato, sarebbe tipo ‘Non posso credere di averlo scritto. Sono così dispiaciuto. Sono un idiota. Posso avere il tuo autografo?’ “.

Il fatto che possa funzionare o meno è un punto discutibile ora dato che l’unico giocatore degli Warriors che risponde abitualmente ai fan sui social media, Kevin Durant, non è più con la squadra.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.